Progetta un sito come questo con WordPress.com
Crea il tuo sito

Il Mistero della Pittrice Ribelle – di Chiara Montani

TITOLO: IL MISTERO DELLA PITTRICE RIBELLE

AUTRICE: CHIARA MONTANI

GENERE: ROMANZO (STORICO)

CASA EDITRICE: GARZANTI

DATA DI PUBBLICAZIONE : 7 GENNAIO 2021

FORMATO DISPONIBILE: RILEGATO 336 pagine

LINK D’ACQUISTO: https://www.amazon.it/mistero-della-pittrice-ribelle/dp/8811816165

Firenze 1458. Lavinia, ferma davanti alla tela, immagina come mescolare i vari pigmenti: il rosso cinabro, l’azzurro, l’arancio. Ma sa che le è proibito. Perché una donna non può dipingere, può solo coltivare di nascosto il sogno dell’arte. Fino al giorno in cui nella bottega dello zio arriva Piero della Francesca, uno dei più talentuosi pittori dell’epoca. Lavinia si incanta mentre osserva la sua abile mano lavorare all’ultimo dipinto, La flagellazione di Cristo . L’artista che ha di fronte è tutto quello che lei vorrebbe diventare. E anche l’uomo sembra accorgersene nonostante il contegno taciturno e schivo. Giorno dopo giorno, Lavinia capisce che la visita di Piero nasconde qualcosa. Del resto sulle sponde dell’Arno sono anni incerti: il papa è malato e sono già cominciate le oscure trame per eleggere il suo successore. E Piero sa più di quello che vuole ammettere. Il sospetto di Lavinia acquista concretezza quando lo zio viene ingiustamente accusato dell’uccisione di un uomo e Piero decide di indagare. Ma Lavinia questa volta non vuole restare in disparte. Grazie alla vicinanza dell’artista, che fa di tutto per proteggerla, per la prima volta comincia a guardare il mondo con i propri occhi. Perché lei e Piero sono entrati in un quadro in cui ogni pennellata è tinta di rosso sangue e ogni dettaglio è un mistero che arriva da molto lontano. Perché la pittura è un’arte magnifica, ma può celare segreti pericolosi. Chiara Montani trascina il lettore per le vie della Firenze rinascimentale e tra le opere di Piero della Francesca, un artista che ha fatto la storia della pittura. Lo immerge nella vita di una giovane donna che vede le sue ambizioni soffocate dalle leggi non scritte del tempo. Lo cattura in un vorticoso susseguirsi di eventi in cui le ragioni dell’arte si intrecciano con quelle della politica e della religione.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è walter-bianco-2.jpg

Chiara Montani unisce il suo interesse Artistico con la seduzione per le Epoche passate per realizzare un Romanzo diviso tra Storia e Arte, permettendo di viaggiare attraverso il Rinascimento dove, tra contraddizioni Politiche e Sociali, ci troveremo di fronte al lato oscuro di una Fase non solamente Prospera.

Dopo il Prologo, che ci descrive una Roma Papale minacciata dall’ombra di un conclave, ci ritroveremo a Firenze dove Piero Della Francesca farà ritorno con impellenza dopo aver ricevuto una lettera da una sua vecchia conoscenza.

Piero, descritto come enigmatico, è un uomo ermetico e geniale, dal carattere difficile che si troverà a fare i conti con un Passato dal quale era fuggito ma che adesso si era rifatto vivo coinvolgendo lui e le persone care.

Un omicidio brutale, che incolpava ingiustamente, mette in allarme suscitando una corsa contro il tempo: salvare un innocente studiando nello stesso tempo una contromossa per combattere contro un nemico invisibile, senza ombra che, in cerca di Vendetta, si sarebbe fermato solo dopo aver colpito tutte le persone coinvolte, per cercare di guarire da una ferita profonda.

In questa difficile impresa l’artista sarà aiutato dalla Protagonista del Romanzo, Lavinia: Con un carattere ribelle, forte e decisa, verrà all’inizio affascinata da Piero, dalla sua arte, per poi essere sempre più coinvolta emotivamente diventando parte integrante di una vicenda che nascondeva molti misteri che mettevano a repentaglio la vita di molti.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è 51n17pji6l._sx334_bo1204203200_tt.jpg

L’Autrice è brava nell’utilizzare una Simbologia a favore della Trama che pagina dopo pagina si costruisce con intrighi e ricattivendette e onore… per poi essere dominata per molte pagine da scene adrenaliniche con inseguimenti e fughe che faranno viaggiare il Lettore attraverso una Firenze tutta da scoprire: Da Ponte Vecchio a Santa Trinità, passando per la Pescaia di Santa Rosa, in un misto di rumori e fervore, portando i Protagonisti anche sui luoghi più controversi e nascosti della città Medicea.

Bellissimo il ritratto di Lavinia, un Personaggio con la quale l’Autrice rende indirettamente omaggio alle Donne, rendendo gloriose le ribelli che in ogni campo con coraggio si erano fatte “pionieri” liberandosi dalle catene imposte dal Tempo e dalla Società; molto apprezzabile è anche la capacità di far conoscere poco alla volta la Protagonista, la sua interiorità e il suo essere, che evolve nel Romanzo in contemporanea con la sua capacità di uscire fuori e liberare non solo il suo talento ma soprattutto anche il suo cuore al sentimento più sincero.

Nel Finale, dopo che molti pezzi verranno collocati al posto giusto rendendo chiara a tutti la Verità, sale l’Amarezza per non aver compreso prima ed evitato qualcosa che si poteva; la Disperazione e la conseguente caduta verso l’Oblio verra evitata grazie al Sacrificio dettato dal sentimento che, venendo meno ai propri principi, sacrifica per un dono prezioso, che “costringe” alla lontananza per lenire un dolore che stringeva il cuore, nella forza di un orgoglio che aveva visto la sconfitta nei confronti di un avversario.

Tanti complimenti sinceri a Chiara Montani che con il suo Romanzo riesce a immergere e catturare intensamente il lettore in una Storia davvero misteriosa e avvincente, grazie anche ai Personaggi “prestati” dalla Storia che si rivelano tutti molto intensi e ben costruiti, in particolare Piero Della Francesca con il quale l’Autrice conferma tutto il Genio e l’Enigma di un maestro eccezionale, un artista che ancora oggi è al centro di discussioni e valutazioni non sempre omogenee da parte dei critici, che sicuramente non riescono ad oscurare la sua indiscutibile fama.

Chiara Montani, architetto di formazione, ha lavorato nel campo del design, della grafica e dell’arte, esplorando varie tecniche e materiali, e partecipando a esposizioni in Italia e all’estero. Specializzata in arteterapia, conduce da anni atelier sulle potenzialità terapeutiche del processo creativo.

La casa editrice Garzanti fa parte del Gruppo Editoriale Mauri-Spagnol (GEMS). È una delle più antiche e prestigiose case editrici italiane. Ha infatti raccolto l’eredità della Fratelli Treves Editori, fondata nel 1879 da Emilio e Guido Treves, che pubblicò tra gli altri D’AnnunzioVergade Amicis e Pirandello. Nel 1938 la Fratelli Treves viene acquistata da Aldo Garzanti, che dà il suo nome alla casa editrice, la rilancia portandola nuovamente a una posizione di primo piano nell’editoria italiana, e poi ne affida la guida al figlio Livio.Mentre alla direzione editoriale si avvicendano, tra gli anni Sessanta e gli anni Novanta, Piero GelliErnesto Ferrero e Gianandrea Piccioli, la Garzanti fa conoscere autori italiani come Gadda (le cui opere complete sono oggi raccolte in cinque volumi nei Libri della Spiga, a cura di Dante Isella), PasoliniPariseVolponiSoldati; scrittori stranieri come FaulknerCapoteCanetti; e i poeti BertolucciLuziPenna e Caproni. Ma lancia in Italia anche best seller come Ian Fleming, i coniugi Golon (autori della saga di Angelica) o Michael Crichton.All’inizio degli anni Sessanta risale la felice invenzione delle Garzantine, le enciclopedie monovolume che nel corso dei decenni si sono imposte come un marchio di riferimento tra le enciclopedie tematiche.
Le Garzantine coprono ormai un ampio arco del sapere: oltre all’Universale, la collana conta attualmente oltre 30 volumi tematici, periodicamente rivisti e aggiornati.Negli anni Settanta nascono e si affermano rapidamente i Grandi Libri, l’unica collana economica riservata unicamente ai classici, esemplare nella cura delle traduzioni, degli apparati critici e delle bibliografie, che ha in catalogo oltre 600 titoli.Attualmente tra i narratori pubblicati da Garzanti figurano importanti autori italiani (quali Alessandro BergonzoniFerdinando CamonClaudio MagrisGiuseppe PederialiAndrea Vitali) e stranieri (Premi Nobel come Kenzaburo Oe e scrittori di grande successo commerciale quali Clara SánchezJorge AmadoMichael CrichtonLaura EsquivelPeter HandkeJoanne HarrisBrad MeltzerChaim Potok).La saggistica copre i diversi campi del sapere, dalla filosofia (Gianni VattimoErnst BlochRichard Rorty) alla critica letteraria (Gian Luigi BeccariaLuca SerianniGeorge Steiner), dalla religione (John CornwellJack MilesVito MancusoThich Nhat Hanh), dalla storia (Alan BullockGiorgio FabreJoachim FestSaul FriedländerLuigi GanapiniVictor Davis HansonErnst KantorowiczPaul Kennedy) all’attualità… ecc.

Pubblicità

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Inizia con un blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: