Il Signore di Notte – di Gustavo Vitali

TITOLO: IL SIGNORE DI NOTTE

AUTORE: GUSTAVO VITALI

GENERE: GIALLO/THRILLER STORICO

ANNO DI PUBBLICAZIONE: 10 MAGGIO 2020

FORMATO DISPONIBILE: COPERTINA FLESSIBILE 517 pagine / E-BOOK

LINK D’ACQUISTO: https://www.amazon.it/Signore-Notte-giallo-nella-Venezia/dp/B088B4MVQB

https://www.gustavovitali.it/

Venezia, 1605. Sullo sfondo della città dei dogi un magistrato goffo e pasticcione indaga sull’omicidio di un nobile caduto in miseria. Ricopre la carica di Signore di Notte, la magistratura alla quale la Serenissima Repubblica ha affidato la tutela dell’ordine pubblico, sei giudici e insieme capi della polizia.Il protagonista, Francesco Barbarigo, irrompe sulla scena del giallo anche con una buona dose di spocchia, dopo essersi incaricato delle indagini con una leggerezza pari solo alla propria impreparazione, che lo porterà a clamorose sconfitte prima di giungere alla soluzione del giallo, ma non ce la farà da solo.Si lancia dapprima lungo piste inconcludenti e si accanisce su tracce fasulle. Emerge nel frattempo un uomo dalla personalità controversa e di difficile interpretazione che sfoggia una sicurezza solo apparente, mentre dentro di lui covano le incertezze, lo divorano le angosce. Per lo più incappa in una stramba relazione con una donna indecifrabile e misteriosa che gli procura nuovi turbamenti.Il racconto produce tutta una serie di personaggi, i principali realmente vissuti all’epoca e riesumati grazie ad un lungo lavoro di documentazione. Attorno al protagonista agiscono figure da salotto, bellimbusti e cortigiane, prostitute e bari, ricchi aristocratici e nobili decaduti che vivacchiano ai margini della classe potere. Ci sono anche sgradevoli comparizioni di uomini violenti, come banditi e sbirri, distinti tra loro dai rispettivi ruoli, ma simili nell’agire sopraffattore. Non tutti reciteranno il ruolo di semplici comparse, ma assumeranno parti importanti nel romanzo, qualcuna perfino decisiva. Determinante nelle indagini sarà un capitano delle guardie che affianca il Signore di Notte aiutandolo a dipanare una matassa parecchio complessa.Così, passando tra disastri, colpi di scena, agguati e quant’altro il Signore di Notte e il suo capitano riusciranno ad arrivare alla soluzione del giallo, una soluzione sorprendente e degno corollario di una trama coinvolgente alla quale si aggiungono curiosità, particolari, aneddoti sui costumi e le vicende dell’epoca, che inquadrano il racconto nella dimensione storica dell’antica Serenissima assunta quasi a protagonista silenziosa.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è walter-bianco-2.jpg

Gustavo Vitali ha scritto un libro riuscendo ad unire due due Generi non dissimili per intensità e coinvolgimento : Storico e Giallo.

Il Signore di Notte è un Romanzo Storico nel quale si sviluppa una vicenda divisa nella Narrazione tra Thriller e Giallo; la difficoltà affrontata dall’Autore è quella di utilizzare come Protagonisti personaggi realmente esistiti: questo ha necessariamente significato un lavoro di approfondimento Storico per rendere il tutto preciso e dettagliato.

C’è da dire che questo aspetto secondo me, come spesso accade in questi casi, rappresenta un pò un limite per un Romanzo Storico perché alcune fasi dedicate a queste “delucidazioni” rischiano troppo di appesantire una Narrazione che ciò nonostante risulta vivida, scorrevole e arricchita da fasi emotivamente accattivanti nelle parti noir.

Il punto di forza del Romanzo è sicuramente l’ambientazione : Venezia rappresenta una città particolarmente “adatta” per rispondere bene sia ai canoni Storici che a quelli legati ad ambientazioni misteriose e cupe, grazie anche alla capacità descrittiva dell’autore.

I Personaggi sono molto ben curati e collocati in maniera attenta nella vicenda; in particolare con i Protagonisti lAutore si spinge un pò più in là realizzando un approfondimento psicologico.

Il Protagonista è Francesco Barbarigo, Signore della Notte al Criminal al quale spettava indagare sul delitto di un nobile decaduto. il suo personaggio risulta complesso e istintivo, a tratti descritto come goffo e irruento, in certi momenti piegato al gioco dell’amore ( lui che “snobbava” l’Amore perché faceva solo perdere la Ragione),affascinato dai colori della città, pieno di sé tanto da buttarsi in battaglie senza avere la certezza di poter raggiungere la vittoria.

Per far emergere le sue caratteristiche nascoste, come fragilità e umanità , l’Autore affianca al Protagonista il Capitano Domenico Stella, una sorta di antitesi perché ben più preparato, un investigatore esperto e dotato di intuito capace di condurre l’indagine verso la verità, colmando le “lacune” del Barbarigo.

La prosa è raffinata e ben strutturata con utilizzo termini desueti sicuramente più consoni al contesto storico, non rinunciando ad una sottile ironia nella denuncia di usi e costumi non troppo “osservati” in un epoca sicuramente non priva di contraddizioni.

Ne esce un quadro fatto di ricconi, mercanti, usurai, ricchi e poveri che nello stesso tempo aiutano e complicano le indagini; il tempo stringeva e dopo diversi abbagli, tradimenti e agguati, si giungerà finalmente all’Epilogo.

In un finale fatto di colpi di scena inaspettati, si giungerà alla soluzione del rompicapo, con la consapevolezza di aver agito sbagliando perchè abbagliati da sotterfugi di una vita meschina, ricatti e amori sbagliati; il Protagonista, lasciato con l’amaro in bocca, si ritroverà nella Solitudine diviso tra dolore e comprensione.

Bello il libro di Gustavo Vitali; sicuramente consigliabile come lettura impegnativa e destinata perciò soprattutto a coloro che amano la letteratura Storica e il Genere Giallo.

…………..(Dal Sito Ufficiale…….)

Chi sono 

Sono nato a Milano il 4 agosto. Tralascio l’anno perché su questo argomento sono un tantino ritrosetto, come le donne d’una volta. Pertanto la foto usata in testata pagina non è … recentissima. Quella a lato perfino troppo!

Da circa quarant’anni vivo a Bergamo, dove sono nati i miei figli Federico e Claudio. Se non mi conoscete di persona, vi dirò che vi siete persi il meglio perché, oltre alla ritrosia sull’età, soffro anche di una certa vanagloria su tutto il resto.Scherzi a parte, escluso i figli che ho davvero e la foto nella quale sono proprio io da bimbo, se avrete la compiacenza,  diciamo pure la pazienza tout court, di continuare a leggere, scoprirete le passioni che hanno caratterizzato la mia vita. Forse troppe. Due in particolare: la scrittura e la storia, senza essere affatto uno scrittore o uno studioso nel senso professionale dei termini. Sono stato e rimango un dilettante nella prima, nella seconda e pure in tutte le altre.

Nostalgie

Tra le tante nostalgie dei migliori momenti del mio passato soprattutto ricordo gli anni del liceo e dell’università, ma non come luogo fisico e neppure come contesto culturale, perché negli studi non ho mai eccelso e non ho perso occasione per disertare le aule. Nessuno ha mai parlato di me come un ragazzo lodevole. Piuttosto, l’abusata definizione degli insegnanti di allora (non so se la usano ancora oggi), quando si trovavano di fronte a certi elementi, con me è stata una raccapricciante ricorrenza: “È un ragazzo intelligente, ma non si applica abbastanza!” Hanno avuto una qualche ragione.

Quindi i miei ricordi più belli sono del tutto esterni a strutture e situazioni di cui pocanzi, ma su questi non voglio tediarvi oltre. Peraltro detesto il clima dei “bei tempi andati”, che poi belli del tutto non lo sono mai davvero, perché qualche disillusione, qualche sofferenza, insomma qualche magagna immagino sia piovuta su tutti noi anche nei periodi più felici.

Gli studi

Dopo il liceo scientifico dal quale, come avrete facilmente immaginato, sono uscito per il rotto della cuffia, ho frequentato la facoltà di Scienze Politiche presso l’Università Statale di Milano seguita da una breve incursione in quella di Lettere e Filosofia. Devo confessare che ai primi facili entusiasmi è subentrata presto una certa riluttanza: ottimi voti nei corsi di storia moderna, contemporanea, medievale e simili. Decisamente striminziti in tutto il resto, dove me la sono cavata grazie anche all’aiuto dei compagni, almeno fintanto che non si sono stancati di portarmi a rimorchio. Con alcuni di loro ho stretto un’amicizia che dura ancora oggi, anche quando altri eventi ed esigenze hanno obbligato ciascuno di noi a scegliere la propria strada, un’evoluzione del tutto normale nella vita di gente normale.

Per lo più sono incappato nella Milano sessantottesca, quella passata alla storia come il periodo della “contestazione globale” e tutto quanto sarebbe seguito, compresi i cosiddetti “esami di gruppo”. Forse i più vispi tra voi hanno capito, i coetanei di certo. Grazie alla “rivoluzionaria innovazione” ce l’ho fatta a superare a pieni voti quello di sociologia, ma non è bastato.

Circa il resto, sono rimasto perplesso quando mi sono reso conto come allora essere “di sinistra” fosse diventata più una moda che una convinzione, quando con l’eskimo addosso e il libretto rosso in tasca, insieme ai proletari, incontravi perfino rampolli dell’alta borghesia. Mao Tsetung mi è rimasto indifferente e non ho mai letto i suoi libri; la politica un pianeta sconosciuto, incompreso e detesto le mode con tutto il cuore. Tuttavia devo riconoscere un aspetto importante del ’68, almeno secondo me, vale a dire che in generale ha portato a positivi mutamenti nella scuola e nella società che altrimenti avremmo atteso per decenni.

Risultato: niente laurea, anche perché nel frattempo sono stato risucchiato nell’attività di famiglia che è diventata la mia per molti anni. Nel contempo, leggere libri di storia, affiancato poi da cassette VHS, da DVD e da ultimo i programmi di RAI Storia, è rimasta una costante, come quella di scrivere.

Volare

È scoccata poi la scintilla del volo libero, quello senza motore in parapendio e deltaplano, sulle ali del vento e delle masse d’aria ascensionali. Dura ancora oggi e nel mondo del volo ho scoperto persone che mai avrei immaginato avessero potuto entrare nella mia vita, figure genuine, entusiaste, simpatiche. Quasi assenti le eccezioni.

Ho deciso di collaborare alla crescita di questo mondo sconosciuto alla maggioranza e anche un poco emarginato, mettendomi a disposizione dell’associazione alla quale sono iscritto, Volo Libero Bergamo. Ne ho costruito e mantenuto il sito in modo goliardico e dissacratorio, lo stile di scrittura che penso mi riesca meglio. Pare che sia stato apprezzato nonostante qualche eccesso e pure taluni svarioni.

Con gli anni il tono è andato affievolendosi, gli interventi si sono rarefatti, il sito è diventato un mostro ingovernabile di quasi 300 pagine e penso che un restyling ci starebbe tutto. Disgraziatamente, come leggerete, la mia testa sta da tempo volando altrove.

Ho inaugurato, se così si può dire, l’ufficio stampa della FIVL, Associazione Nazionale Italiana Volo Libero. Dal 1999 ho diramato ai media oltre 250 comunicati stampa nella stragrande maggioranza ancora attivi a questo link. Continuo tutt’oggi e mi occupo anche della comunicazione interna di questa associazione, la più grande d’Italia a occuparsi di volo libero.

Circa la mia passione per la scrittura, in questo caso coniugata con quella per la storia, vi rimando volentieri al sito del mio primo libro: Il Signore di Notte.

Grazie per la sopportazione

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

Crea il tuo sito web su WordPress.com
Crea il tuo sito
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: