Progetta un sito come questo con WordPress.com
Crea il tuo sito

Natale Insieme: Autori Uniti con: Valeria Papa intervista Daniela Sardella e Jennifer Gaspari ðŸŽ

Un Progetto che possiede un Significato Importante, questo è: Natale Insieme – Autori Uniti. Viviamo in un mondo fatto di Invidia, Gelosia e Ingiustizia dove ciò che diciamo spesso fa male più di una lama affilata dando vita a discussioni sterili. Natale Insieme – Autori Uniti è una chiara dimostrazione che c’è Gente Pura, pronta a sostenersi, pronta a offrire aiuto con fare Sincero. Questo il senso del progetto! Persone che condividono una Grande Passione senza alcun tipo di Invidia dimostreranno che esiste ancora Lealtà e Sincerità. Spezziamo questa catena di Negatività, Ipocrisia e Portiamo una Ventata Fresca, Pulita. Detto ciò, Il nostro Personale Calendario Dell’avvento proporrà, ogni giorno, un Autore diverso il quale dedicherà versi personali o proporrà una simpatica ed esilarante Intervista Doppia. Tutto questo per Dimostrare il proprio Rispetto Reciproco, il proprio Sostegno nato da sincero interesse.

Non aver paura di mostrare affetto. Sii caldo e tenero, assennato e affezionato. Gli uomini sono aiutati più dalla simpatia che dal servizio. L’amore è più che il denaro, e una parola gentile darà più piacere di un regalo.
(John Lubbock)

C’era una volta un paese lontano lontano, in cui tutti gli abitanti amavano leggere e scrivere. L’atmosfera era sempre serena, sempre amorevole. Gli abitanti di questo lieto paesino venivano chiamati Amabili perché in essi regnavano il rispetto e l’amicizia. Un giorno, le due cittadine che avevano fondato il paesino decisero di organizzare una festa. A questa festa erano tutti invitati. Per parteciparvi l’unico requisito era dimostrare affetto, cortesia e sostegno verso un altro partecipante. La festa era in onore del Natale, un Natale particolare, di un anno particolare, che aveva portato nel mondo tanta tristezza. Ma grazie a questa festa l’entusiasmo si poteva palpare, le luci iniziavano ad accendersi, le musiche riempivano l’aria, il bene stava di nuovo abbracciando tutti. Arrivò, però, una ragazza. Una ragazza dolcissima, una ragazza che le due fondatrici conoscevano da poco tempo, ma che si era già distinta per il suo buon animo, per i suoi buoni sentimenti. Quella ragazza accettò di partecipare alla festa, ma lo fece in modo diverso, in un modo che sorprese le due fondatrici. Lei decise di sostenere e dimostrare la sua amicizia a due persone che non se lo aspettavano, che di fronte a tanta accortezza rimasero senza parole. Ed era una cosa davvero eccezionale per loro che con le parole avevano creato questo Amabile paesino. Quella ragazza, esattamente quella ragazza è l’inizio, la storia e il lieto fine di questa piccola, sincera e sentita fiaba di Natale. Quella ragazza incarna alla perfezione lo spirito della festa del paese di Amabili e noi siamo qui, a dirle grazie. Grazie ragazza che porti nel mondo il tuo sorriso, il tuo buon cuore, la tua gentilezza. E a te, ragazza che stai leggendo, auguriamo il più bel Natale che ci sia.

Daniela e Jennifer

Valeria intervista

Daniela e Jennifer

Quando hai scoperto la tua passione per la lettura?

La mia passione per la lettura nasce in tempi lontani lontani, quando ero ancora bambina e come compito per le vacanze estive ci assegnarono un libro a scelta. In quell’estate scoprii quanto sia forte la magia di un libro. Poi crescendo la lettura accompagnò sempre le mie giornate. Avendo conseguito una laurea in Filosofia, avevo sempre il naso fra le pagine di un libro. Imparai ad apprezzarne capacità di inviarmi messaggi, quella di istruirmi, quella di incantarmi. La lettura mi ha aperto la mente verso diversi tipi di pensiero, mi ha insegnato a non giudicare, a capire quanto sia splendido immergersi nelle parole, apprezzarne lo stile, la musicalità. Mi ha insegnato la calma, mi ha insegnato ad attendere la risposta alle mie domande, mi ha insegnato che, al momento giusto ogni perché avrà un senso, che le parole hanno un peso, possono edificare o possono distruggere. Poi, arrivata ad Amabili, con la lettura ho imparato a capire le persone, a leggere la loro storia fra le righe e capire quando ci sia di loro nascosto. Leggere, per me, è semplicemente vita.

Può sembrare una domanda semplice ma non lo è, almeno nel mio caso perché mi riporta a ricordi particolari, ricordi che in parte ho chiuso sotto chiave. Però facendo un passo indietro, direi un po’ tardino! Non ho un ricordo di me, bambina, con libri di favole. Certo si raccontavano, ma se toccavano l’argomento Magia, beh quelle andavano scartate a prescindere. Ma c’era uno sempre pronto alla lettura di ogni componente della famiglia, soprattutto i più piccoli. Aveva una copertina Dorata con scritta Rossa incisa, come scolpita, era: “Il mio libro dei Racconti Biblici”. Quella lettura non era scelta era un obbligo leggerlo, quindi non fece scattare la scintilla. Fu più avanti, mentre frequentavo la scuola media inferiore. Ohhh lì sbocciò l’amore! Grazie alla biblioteca scolastica e un programma lettura ideato dalla professoressa di Italiano, che ringrazio profondamente, ho potuto finalmente Scegliere! Da quel momento ho cercato sempre i miei spazi pur non avendo vita facile, non voglio andare nel profondo. Vi dico solo che, i miei libri li nascondevo sotto il cuscino e leggevo di notte. Molti anni mi son stati rubati, ho un arretrato mostruoso, molti classici di cui non ho potuto sfiorare le pagine. Non mi sono arresa! Non si poteva dedicare tempo a cose differenti perché dovevo dare precedenza ad altro, tipo leggere la Bibbia completa, per l’esattezza l’ho letta ben tre volte, poi dedicarsi ai fatti più che ai Romanzetti di pura fantasia. E allora facevo ricerche e mi informavo in maniera differente perché volevo sapere, espandere la mente, capire e imparare cosa potevano offrire i libri Proibiti. Alla fine eccomi qua. Sono ancora in terribile ritardo ma da anni posso scegliere, da anni la lettura mi accompagna. Ho scoperto la bellezza, il privilegio di viaggiare, di imparare di conoscere. La voglia di sapere è stata la salvezza, un modo per continuare ad imparare, visto che ho dovuto bloccare il cammino dell’istruzione. Grazie a loro ho ampliato il mio personale vocabolario, grazie a loro ho imparato ad esprimere concetti precisi, giusti e continuo ad apprendere nuovi argomenti, del resto non si finisce mai di Imparare!

Il primo libro letto?

Il primo libro letto: “Il Diario di Anna Frank”. Fu amore a prima vista. Come dicevo nella risposta precedente, proprio grazie alla Biblioteca scolastica, ho costituito e appreso della sua storia. Ricordo di aver discusso per poter riprendere quel libro una seconda volta. Proprio qualche giorno fa raccontavo a mio figlio di questa vicenda. Si parlava di storia, della cattiveria della gente presente da Sempre, ed è venuta fuori Anna. Quando lui sarà pronto leggeremo insieme la storia. Ora finalmente è nella mia biblioteca personale e vederlo lì mi da grande emozioni. Quello per me è stato l’inizio il meraviglioso Inizio in questo mondo e l’inizio della persona che volevo diventare. Forte, coraggiosa, caparbia come lei, anche se ovviamente non c’è nessun paragone, ma l’insegnamento nell’affrontare la vita con Coraggio si!

Andai in biblioteca e mi imbattei in un affascinante libro. era tutto rotto, usato e logoro, ma sembrava racchiudere un mondo destinato a cambiarmi la vita. Fu così che incontrai Pippi Calzelunghe, che con la sua irruente sfacciataggine, con la sua ribellione fanciullesca mi insegnò valori potenti come l’amicizia, come la libertà di essere se stessi. Iniziai a capire che dentro ogni libro potesse nascondersi un messaggio destinato ad arricchirmi, perciò eccomi qui, dopo 32 anni da quando presi in mano quel libro, a non poter stare un solo giorno senza leggere un pezzo di qualche storia, completamente incapace di vivere senza leggere.

Tre autori preferiti e perché?

Domanda per me difficilissima. Sceglierne tre è un po’ un azzardo, ma ci proverò. Sul podio più alto c’è senz’altro Stephen King. Il perché sembra quasi inutile spiegarlo visto che è uno degli scrittori più prolifici, più controversi, più conosciuti al mondo. King ha la capacità di entrare nella men te umana e carpirne i segreti, i misteri e le paure, per poi sfruttarle a suo favore, facendoli diventare il punto di forza di una narrazione forte, complessa, articolata e dannatamente convincente. Non mi stancherò mai di leggere i suoi libri. Lui è il mio intoccabile. Per il secondo e il terzo posto, faccio invece davvero tanta fatica. Posso parlarvi dei libri che mi sono entrati nel cuore di più, ma di altri miei scrittori prediletti… non sarei in grado di stilare una classifica. Posso dirvi che ho una lista di libri che mi hanno stravolto la vita. vi do alcuni titoli: “Il nome della Rosa”, “Jane Eyre”, “Novecento”, “Il piccolo principe”, “Memorie di una Geisha”, “Profumo”… questi sono solo alcuni. Spero sia sufficiente come risposta.

Domanda difficile molto difficile! In base ai miei gusti letterari direi Jane Austen decisamente. Amo tutto della sua scrittura, amo l’epoca così lontana, fuori da ogni nostra immaginazione. Un’epoca dove l’amore era Amore, un’epoca ricca, piena e lei ha saputo descrivere il tutto con Grazia e Splendida Delicatezza tanto da far desiderare una macchina del tempo che ti potesse portare nel 1800. Sarebbe un sogno! Poi, un genere che amo tantissimo è il Thriller quindi direi Glenn Cooper. La trilogia del cuore indubbiamente è: “La biblioteca dei morti”, “Il libro delle anime” e “I custodi della Biblioteca”. Spettacolare! Poi si aggiungono tutti gli altri però qui non posso scrivere tutte le opere, posso solo dire Leggetelo! Come ultimo, non per importanza “Il Piccolo Principe”, chi non lo conosce?!? Ma sappiamo benissimo che menzionare solo tre nomi è riduttivo! Pur essendo in terribile ritardo nelle letture, come già detto, c’è ne sono un infinità come Oscar Wilde, Alda Merini, Oriana Fallaci e la lista continua…

Libro del cuore e perché?

Libro del Cuore: “Il diario di Anna Frank”. Non è un libro semplice o scorrevole ma la verità, la cruda verità racchiusa in quelle pagine fa davvero Crescere e Riflettere. Mi ricordo che la prima volta ne lessi ogni pagina con Incredulità. Possibile che una piccola ragazza potesse provare tutto quelle cose orrende, soffrire così solo per pensieri differenti, scelte differenti? Due anni di crudeltà, raccapricciante. La ri-letttura è stata ancor più straziante ma Piena. Ho immaginato lei davanti ai miei occhi, mi parlava ed ho cercato, nel tempo di seguire e manifestare quella forza nel mio cammino. Tutti dovrebbero leggerlo, tutti i giovani. Grande Esempio. Indimenticabile!

Libro del cuore: “Il nome della Rosa”. Ho amato tutto di questo capolavoro. Un ritmo non veloce, scandito da vespri e preghiere, che inaspettatamente, non ti lascia comunque fiato. Una scrittura spaventosa, inquietante, elegante e inafferrabile al tempo stesso. Immagini che si creano davanti ai tuoi occhi parola dopo parola. Ricordo che mi capitava di dover staccare perché nella mia mente si accavallavano le immagini alle parole, era come se entrassi talmente dentro il libro, da non riuscirne più ad uscire, come se rimanessi intrappolata tra le pagine. Il finale poi, che cosa pazzesca!! Il “Nome della Rosa” mi ha fatto capire che esiste la perfezione. Lo consiglierò sempre a chiunque voglia compiere una viaggio incredibilmente, stilisticamente, narrativamente indimenticabile.

Quando hai iniziato a dedicarti al settore letterario come passione/lavoro?

Era Dicembre del 2018, quando vidi un annuncio su Facebook in cui si cercavano recensori per un gruppo letterario. Ci pensai un po’ su. Era un periodo della mia vita in cui non sapevo bene chi fossi, in cui la mia vita era sì bella, ma mancava qualcosa. Mi sentivo destinata a qualcosa che mi completasse. Quindi, nonostante fossi spaventata ed insicura, decisi di provare. Contattai Walter, un nostro collaboratore che mi indirizzò a Daniela. Iniziai a collaborare con loro. Passo dopo passo acquisii quella sicurezza di me stessa che avevo perso e mi sentii per la prima volta nel posto giusto, mi sentii di far parte di qualcosa di inaspettatamente magico. Col tempo entrai in perfetta sintonia con Daniela. La nostra amicizia si rafforzò e da qualche mese sono al suo fianco nella gestione di questo meraviglioso angolo di mondo chiamato “Amabili Letture”.

È iniziato tutto per caso. Tramite una conoscenza sono entrata a far parte di un blog. Questo è successo nel 2017. Avevo paura e parecchia, mi dicevo: “Ma chi sono io per dare un giudizio, non sarò mai capace di esprimere correttamente i miei pensieri”. Però la curiosità, la voglia di mettersi in gioco era troppa, complice il fatto del mio trasferimento all’estero, ero spesso sola quindi mi son detta: proviamo! Non ho più smesso. Però andando avanti sentivo il bisogno di fare qualcosa in più, non mi bastava. Così, spinta da mio marito e affiancata ad una ragazza, nel Luglio 2018 nacque “Amabili Letture”. Non voglio dilungarmi troppo ma ci sono cose che vanno dette. Amabili non ha avuto un percorso facile. Già nel mese successivo, Agosto, ero sola a gestire il tutto. I collaboratori non erano quelli giusti e quindi ho dovuto cambiare parecchie cose. Volevo un posto Tranquillo, sicuro fatto di Passione e Serietà, così ho cercato altra gente da inserire. I primi contatti con le Case Editrici li avevo curati personalmente, la co-creatrice era spesso assente, fino al punto in cui ho deciso, in maniera drastica di Abbandonare e creare un Blog tutto mio. Per fortuna fu la co-creatrice ad abbandonare e ahimé non pacificamente! Ho dovuto ricreare tutto, Nuovamente partendo dal sito stesso. Nel frattempo, però, avevo trovato gente valida che faceva la differenza, che aveva i miei stessi ideali. Così affiancata da Walter e Jennifer siamo andati avanti. Gestire tutto da sola non era facile, loro erano sempre presenti in tutto ma alcune cose, i famosi DIETRO LE QUINTE, dovevo farli io. Avevo paura ragazzi, paura di scegliere una persona che diventasse la mia Co- Creatrice. Con l’andare avanti è nata una speciale Alchimia con Jennifer, lei faceva già più del dovuto senza pretendere nulla, ma sapevo, dentro me: Era quella giusta! Così oggi Amabili letture blog è di Daniela Sardella e Jennifer Gaspari. Sono orgogliosa di questo e tanto, come aver scelto la Moglie perfetta. Con questo non voglio dire o sminuire il nostro splendido Staff. Ognuno è importante, sono i nostri figli la nostra Famiglia ma, avevo bisogno di una persona che possedesse la mia stessa Passione. Ho dato tanto ad Amabili, ho sofferto e combattuto. È il mio progetto del cuore portato avanti e fatto crescere con sacrificio. Oggi posso dire Orgogliosa: È il nostro Progetto, progetto che sta andando avanti ed è destinato a crescere. Detto questo, ringrazio tutti i nostri fantastici ragazzi e Grazie Jenny per aver accettato la proposta di Matrimonio! Ahahah 😁

Cosa ti auguri per il futuro?

A livello personale mi auguro di essere quella mamma che, in un futuro, le mie figlie avrebbero voluto avere. Mi auguro di vederle crescere sane e felici, mi auguro che siano fiere di se stesse, orgogliose di aver avuto la possibilità di attraversare e amare questo mondo, anche se così difficile. Mi auguro di poter essere felice con mio marito e di poter trovare un motivo per sorridere ogni singolo giorno. Per quel che riguarda Amabili vorrei vederlo sbocciare, vorrei vedergli raggiungere quei traguardi che merita. Amabili per me è una delle cose più belle che potessero accadermi, dentro io e Daniela ci riversiamo passione, impegno, sudore, tempo e tanta felicità. Non sempre è facile, a volte ti verrebbe da mandare tutto a monte, ma poi è come se abbandonassi un figlio, come se gli girassi le spalle, e allora si ricomincia, ci si butta a capofitto con più impetuosità di prima. Perciò il mio desiderio sarebbe quello di farlo diventare uno dei blog più importanti di Italia…incrociamo le dita.

Mi auguro tante cose! Mi auguro di avere la forza e la capacità di crescere mio figlio nel modo giusto. Farlo diventare un ragazzo giusto, delicato, gentile. Un Uomo come il mio compagno, ecco! Mi auguro di affiancarlo sempre, vederlo crescere, aiutarlo a proseguire quel cammino che lo rende così speciale, quella passione forte fatta di, non semplici sogni, ma obbiettivi veri e propri perché sa cosa vuole dalla vita, sa cosa vuole raggiungere e io mi auguro di vedere i suoi obbiettivi raggiunti. Desidero continuare questo percorso con l’uomo della mia vita. Sono passati 10 anni e ne voglio almeno altri 10, che dico, la vita intera al suo fianco, sempre mano nella mano, sorridenti, felici, stropicciati ma unici andiamo avanti! Per Amabili ci sono desideri e progetti grandi! Amabili è cresciuto tanto, sta crescendo ed è destinato a crescere Ancora! Amabili ha un grande cammino davanti, anche se non è facile. Come ha già scritto Jen, spesso vorremmo mandare tutto monte, spesso è difficile tenere il passo, misurare parole, essere lucidi e giusti. Voi direte: ma è solo un Blog! Forse per voi, ma per noi è Vita, Passione è come un figlio che cresce. È un posto sicuro, un luogo dove altre persone ripongono fiducia. Amabili nasce per aiutare quelle persone che credono nei propri Sogni, Amabili è il nostro Personale Sogno. Come dice il grande Ligabue: Sono sempre i sogni a dare forma al Mondo! E nel nostro Mondo c’è Amabili!

Buon Natale Dolce Valeria e Buon Natale anche a noi due

Pubblicità

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Inizia con un blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: