Segnalazione:”Cincillà” di Alex Miozzi e Natalia Preziosi.

Scheda libro

Titolo: Cincillà -La storia dei Balletti Russi.

Autore: Natalia Preziosi e Alex Miozzi

Editore: Independently published

Data uscita: 14 febbraio 2019

Pagine: 398

Link acquisto: https://www.amazon.it/dp/1792107374/ref=as_sl_pc_qf_sp_asin_til?tag=dany05-21&linkCode=w00&linkId=fa63ff2fcd82ef9cdb4eb751ebf9fa24&creativeASIN=1792107374

Trama ufficiale

In tutto il mondo molte persone conoscono Igor Stavinsky, uno dei più importanti compositori del XX secolo. Egli fu un innovatore, e anche un precursore, che cambiò il sound della musica classica, e il suo contributo trasformò anche la storia del balletto classico; ma poche persone non conoscono chi scoprì lui e la sua musica: quell’uomo era Sergej Djagilev.
Djagilev fu creatore e anche deus ex machina di un nuovo tipo di balletto, conosciuto come i Balletti Russi. Egli fu il talent scout di alcuni importanti danzatori come Vaclav Nijinskij, Leonid Myasin, Serge Lifar e Georgij Balanchine, il pittore, illustratore e scenografo Léon Bakst, il pittore, illustratore, scrittore e librettista Alexandre Benois, e molti altri. Egli fu anche grande amico di Coco Chanel, Misia Sert, Isadora Duncan e Pablo Picasso.
Questo libro non è una biografia ma un romanzo storico basato su fatti storici, forse il primo che racconta la storia di Sergej Djagilev e di altri alcuni episodi a lui accaduti diversamente condannati a damnatio memoriale.

Estratto

Quel giorno Sergej Djagilev, rispetto al solito, anziché optare per una carrozza aperta, visto il tempo quasi primaverile, preferì utilizzare le proprie gambe come mezzo naturale di locomozione.
Da dove si trovava la distanza da percorrere a piedi non era troppo grande, sebbene ci vollero una buona ventina di minuti per raggiungere quel palazzo del XVIII secolo, posto tra corso Italia e Luis Le Grand.
Prima che potesse trovarsi dinnanzi all’ingresso di quell’edificio, davanti a lui passarono tre giovani donne che recavano tra le mani ciascuna un grande mazzo di fiori misti, dai colori quasi abbaglianti, data anche la luce di quel giorno, e dal profumo assolutamente inebriante.
In meno che si dica, varcato il maestoso portone, e passato il primo vaglio dal custode dell’edificio, un ometto tarchiato dall’aria più addormentata che incavolata, l’uomo balzò con alcune atletiche falcate sulle ampie scale per trovarsi direttamente nella sala d’aspetto del gabinetto della società musicale.
Passato l’ingresso, con il suo solito stile si presentò a una delle signorine della reception e si fece annunciare.
Malgrado credenziali non proprio ordinarie, venne trattato esattamente come tutti gli altri, con una fredda quanto distaccata cordialità professionale, ma nonostante questo, dall’espressione del suo viso, almeno all’apparenza la cosa pareva interessargli abbastanza poco.

Biografia Autore

Alex Miozzi

– Vive e lavora a Milano. È giornalista, disegnatore di fumetti e illustrazioni, scrittore, insegnante, autore e disegnatore di cartoni animati. Ha scritto i romanzi Space Riders of the Mysterious Thing (ARPANet, 2008), Jazz Tales – Racconti in Jazz (Neos Edizioni, 2016), e, insieme a Natalia Preziosi, Cincillà – La storia dei Balletti Russi (Amazon, 2019). Quattro suoi racconti pubblicati sono inseriti all’interno delle antologie Natale a Milano dal 2016 e del 2019, edite da Neos Edizioni. Nel 2017 ha diretto il documentario storico I 20 mesi che cambiarono l’Italia.
Ha ideato i testi dello spettacolo Phenomena – Jazz in the Cities, scritto e disegnato i fumetti Jimbo G e lo scimmiotto di giada e Jimbo G e lʼobiettivo K. Ha disegnato le graphic novel Le avventure di Pinocchio nella terra del Sol Levante, di Alfredo Vismara, e dello spettacolo teatrale Gebrek, scritto da Claudio Elli. È coautore, insieme allo chef Sergio Maria Teutonico, del lavoro Kitchen Kids, tra fumetto e gastronomia.

Natalia Preziosi

Natalia Fomina in arte Preziosi è nata in Russia e ha iniziato a studiare pianoforte all’eta di sette anni da Alim Muratov in Ungheria. Si è laureata in Direzione d’Orchestra presso la Belarusian State University of Culturea and Arts a Minsk, ottenendo l’eccellenza dei voti. Ha studiato Composizione a Mosca con celebre compositore e organista Oleg Jancenco. Ha lavorato come direttire d’orchestra, effetuando numerosi concerti e tournée in Russia, Belorussia, Ucraina e Polonia. Ha cominciato a scrivere musica all’eta di dodici anni: “Polca-scherzo” per pianoforte. Ha debuttato all’eta di venticinque anni nei Teatri Nazionali di Brest e Minsk con musica di scena “Tutto su Monica” e la commedia di Oscar Wild “L’importanza di essere seri”. Dal’93 vive con la famiglia in Italia, dove al Conservatorio di Torino ha studiato l’estetica della composizione con il musicologo Enzo Restagno. Ha avuto l’opportunita di fondere la grande cultura musicale russa con la secolare tradizione musicale italiana. Di cui ha potuto avere la grande possibilita di approfondire la conoscenza musicale di opere liriche e simfoniche. Dallo studio delle opere russe e italiane è riuscita far sorgere UN NUOVO STILE COMPOSITIVO, che miscela il meglio delle due culture e grazie al quale e riuscita a comporre delle innovative opere simfoniche, musica da camera e balletti.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

Crea il tuo sito web su WordPress.com
Crea il tuo sito
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: