Ge-Woh di Assunta Baldi

Scheda Libro

Titolo: Ge-Woh

Autore: Assunta Baldi

Editore: Il Trampolino ldt

Genere fantasy

Data Uscita: 1 Giugno 2018


Link :

https://www.amazon.it/gp/product/0993523447?ie=UTF8&ref_=v_sp_detail_page

Sinossi


Sono trascorse solo due generazioni da quando i draghi, stanchi delle guerre degli uomini, hanno lasciato la Plagavasta e l’umanità ha imparato a vivere in pace. La serenità degli abitanti della foresta viene spezzata dall’arrivo di un tiranno, Sarcopan, e dalla sua sete di potere che riduce le popolazioni del continente in schiavitù . Per nascondersi dagli umani, la dragonessa Thar-dah si è rifugiata sui picchi di Rock Diamond. Ignara degli eventi che stanno imperversando per la Plagavasta, si trova ad allevare, assieme al suo cucciolo Indo, il piccolo Ge-Woh. Il drago e il bambino crescono come fratelli, finché Ge-Woh non viene a conoscenza dell’esistenza di altri umani e delle condizioni in cui il suo popolo è costretto a vivere per colpa del perverso Sarcopan. Draghi e umani, sotto la guida di Ge-Woh e della saggia Thar-dah, si uniscono nuovamente contro il nemico comune, pronti ad affrontare un’epica battaglia in nome della libertà e della pace. Tra tappe della crescita, la scoperta di sé e della propria identità e l’importanza dell’amore e dell’amicizia, Assunta Baldi dipinge un mondo fantasy dove l’onestà, l’altruismo, l’intelligenza e il coraggio sono le uniche armi contro la tirannia e l’oppressione. Una favola moderna, adattissima ad accompagnare i ragazzi nel turbolento periodo dell’adolescenza, che strizza l’occhio anche agli adulti per ricordarci quanto sia importante scavalcare le differenze in nome di una convivenza pacifica.

Biografia Autrice


Assunta Baldi nasce a Roma il 14/06/1959. Si diploma a quarantacinque anni in una scuola serale, poiché la sua famiglia di origine non aveva potuto darle l’opportunità di studiare oltre la licenza media inferiore.
Si sposa a venticinque anni e ha due figli.
Durante lo scorrere della sua vita, scrive tutto quello che in qualche modo desta la sua curiosità o cattura la sua attenzione in forma di prosa o di poesia. Lettrice appassionata, ha divorato centinaia di libri senza sostanziali preferenze sui generi, anche se ha un debole per Stephen King e un particolare interesse per i libri di psicologia.
A cinquanta anni, comincia a scrivere racconti brevi e si concentra sul primo romanzo: Serafina, una storia semplice tra ricordi e fantasia, la biografia romanzata di sua madre, poi scrive L’ultima illusione, racconto immaginario sul post mortem di una donna. Ge-Woh è il suo ultimo lavoro, nato come racconto per i suoi nipotini. Adesso, sta lavorando al suo quarto romanzo, nei ritagli di tempo che il lavoro le concede.

Recensione a cura di Elisa Mura


Con il libro di Assunta sono stata trasportata nella terra di Plagavasta, tra le sue impervie montagne, le sue rigogliose foreste e il suo arido deserto, l’ambiente è così ben precisato da riuscire a vederlo.

Se ricercate negli angoli più nascosti, potrete trovare i draghi, esseri fantastici e potenti che un tempo combattevano al fianco degli uomini nelle loro battaglie sanguinolenti.
Tra drago e uomo vi era un rapporto particolare, un legame profondo, spezzato quando le creature hanno deciso di dividere le loro strade, evitando di decimarsi e allontanarsi dalle guerre.
Ne seguì un lungo periodo di pace, finché la situazione politica di questa terra diventerà preoccupante con l’ambizione del malvagio Sarcophan, un sanguinario e sadico despota che vuole conquistare e sottomettere ogni popolo trovato sul suo cammino. Egli è un cattivo nel vero senso della parola, ben delineato, freddo, perverso e uno stupratore di giovani fanciulle, ragazzine non ancora abbastanza grandi da aver conosciuto carnalmente un uomo.
Per colpa di questo terribile invasore, una donna incinta è costretta a rifugiarsi tra le montagne, dopo aver assistito al massacro dei suoi cari.

Go-Wenah è una donna forte, determinata, e partorisce il suo bambino a cui dà il nome di GE-Woh , non sapendo che in quella grotta vi sono nascosti due draghi, madre e figlio, che tollerano la loro presenza, rimanendo distanti. Quando però Ge-Who rimarrà orfano di sua mamma, la draghessa Thar- dah lo alleva come figlio suo, finchè il ragazzo, diventato grande, incarnerà la speranza del popolo umano, ribellatosi contro il tiranno.

A Ge-Woh non resta che farsi accettare dai componenti di entrambi le specie e stringere alleanze.


Il libro ha diversi punti importanti: il conflitto tra bene e male è scisso, l’amore di certo non manca, in tutte le sfumature, la crescita interiore e la ricerca di accettazione, tutto spiegato in modo fluido e particolareggiato.
Assunta ha creato un fantasy adatto a tutte le età, non solo a un pubblico giovane, ma era dai tempi di Eragon di Paolini che non leggevo un romanzo così avvincente e “dragonesco”, dove il rapporto drago-uomo è fatto di tenerezza e complicità. L’autrice si concentra anche sull’introspezione dragonesca e in particolare le regole della vita dei draghi, raccontandoci nuove vedute.
Draghi, battaglie, giganti e sagacia. Un piatto ricco, da non perdere.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

Crea il tuo sito web su WordPress.com
Crea il tuo sito
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: