“Wonder” di R. J. Palacio

Dettagli Prodotto:

Copertina flessibile: 288 pagine
Editore: Giunti Editore (8 maggio 2013)
Collana: Biblioteca Junior
Lingua: Italiano
ISBN-10: 8809058348
ISBN-13: 978-8809058347

Link d’acquisto:

Recensione a cura di Jennifer Gaspari:

«Fa’ tutto il bene che puoi, utilizzando tutti i mezzi che puoi, in tutti i modi che puoi, in tutti i luoghi in cui puoi, tutte le volte che puoi, a tutta la gente che puoi, per tutto il tempo che riesci (Regola di John Wesley)»

Lessi questo libro qualche anno fa, mi fu consigliata la sua lettura dalla mamma di un ragazzino che lo aveva letto assieme lui. Uno dei consigli letterari più azzeccati di sempre. “Wonder” è un libro che dovrebbe venire letto obbligatoriamente in tutte le scuole perché affronta un tema che purtroppo dilaga in modo davvero ostinato e, per me, incomprensibile, sia in età scolastica, sia dopo. Sì, oggi, nella Giornata Nazionale contro il Bullismo ed il Cyber Bullismo, vorrei dire, anzi URLARE che questo modo di additare e giudicare ed escludere chi viene ritenuto non conforme, oppure diverso (da chi, da cosa) parte principalmente dal mondo adulto, e vorrei URLARE anche a loro l’importanza di leggere e soprattutto COMPRENDERE il messaggio contenuto così chiaramente in “Wonder”.

Che cos’è “Wonder”? E’ la storia di un bambino coraggioso e della sua famiglia. Parla di Auggie, nato con una disotosi mandibolo-facciale che lo rende “diverso” agli occhi di tutti. August non ha mai frequentato una scuola vera e propria a causa di questa sua particolare condizione, ma arriva per lui il momento di affrontare il mondo, di uscire da quella bolla sicura che gli è stata creata intorno per protezione. L’inizio della scuola per Auggie non sarà semplice, trattato con i guanti dai professori, come un “appestato” da alcuni ragazzi che arriveranno a lavarsi le mani dopo averlo anche solo sfiorato, o come una sorta di trofeo da altri per dimostrare le buone intenzioni. August non verrà trattato “normalmente” perché prima di conoscere chi è Auggie, le persone parleranno e avranno a che fare con il suo aspetto e lo tratteranno per ciò che sembra: un “diverso”. Tutto ciò per lui sarà motivo di dolore, ma anche di notevole crescita, di accettazione, di capacità di cercare il modo di affrontare tutto ciò con intelligenza e superiorità. Auggie diverrà il vostro eroe, perché probabilmente nessuno vorrebbe avere il suo aspetto, ma tutti vorrebbero avere il suo coraggio, la sua forza, la sua ironia!

Non sarà tutto così tremendo però, perché August incontrerà anche tante persone buone, che guarderanno il suo cuore, invece della sua faccia, che andranno oltre a ciò che sembra. Auggie stesso vedrà cadere le sue paure di essere giudicato, i suoi pregiudizi su chi non lo accetta, e capirà che quella bolla protettiva, quel “casco sulla testa”, non è più necessario perché ci sono anche persone che non si fermano ad un viso deturpato, ma ti guardano dentro.

La cosa più bella del libro è aver offerto a molti dei protagonisti la possibilità di raccontare la storia dal loro punto di vista, perché la vita non è così “oggettiva” come la immaginiamo, la vita è sempre schermata da due occhi dietro i quali si scatenano emozioni, desideri, paure e turbamenti. La vita è un punto di vista sempre e comunque. Ed è bello capire come mai alcune reazioni, alcuni atteggiamenti vengano a contornare il mondo di August. Guardando solo con i suoi occhi, non potremmo capire cosa prova Olivia ad esempio, la sorella di Auggie che si sente sempre messa al secondo posto, perché Auggie ha più bisogno dei suoi genitori, perché i suoi problemi sono meno gravi, perché lei sarà sempre “la ragazza con il fratello deforme”. Se ci pensate bene non è facile nemmeno il suo di ruolo. Quindi, il dar spazio anche alle riflessioni e alle sensazioni provate da chi August lo vive davvero, ha dato, a mio parere, una visione più ampia, più giusta, meno “buonista” dell’intera vicenda. Una visione a 360 gradi.

Il linguaggio usato è davvero molto facile, adatto quindi ai giovani lettori, alle giovani menti. Concetti espressi in modo delicato, ma anche molto chiaro, attraverso i sentimenti, attraverso le emozioni, gli stati d’animo e attraverso espressioni del viso, quel viso che a volte lascia trasparire cose che svelano i veri pensieri, per chi li sa leggere.

Insomma la storia di August è davvero intensa, ricca di insegnamenti e assolutamente da leggere! Perché è ora che le persone, dai 0 anni su, riescano a vedere non solamente attraverso la vista, ma anche attraverso il cuore, l’anima, chiamatela come volete… a me piacerebbe chiamarla intelligenza, ma forse potrei marchiarla come “umanità”.

Oggi, come ieri, come domani, come ogni singolo giorno, Auggie, io e Amabili Letture vi URLIAMO ED URLEREMO SEMPRE “BASTA!!! STOP AL BULLISMO!!” in ogni sua forma, in ogni sua sostanza, in qualsiasi modo si possa manifestare! Quando uno sembra “diverso” chiedetevi diverso da che cosa, diverso da chi e ??perché??, soprattutto, questa diversità dovrebbe comportare una messa da parte, una violenza di qualunque tipo, una esclusione o, nel peggiore dei casi, una vessazione nei confronti di chi è solo più magro di voi, o più grasso, o di un’etnia diversa, o si veste in modo particolare, o frequenta posti o persone che non ci vanno a genio? Non c’è un perché sensato che regga, non esiste proprio!

LEGGETE “WONDER” PERCHE’ FA BENE! LEGGETELO VOI, CON I VOSTRI FIGLI, CON I VOSTRI COMPAGNI O COMPAGNE, LEGGETELO TUTTI!!

Buona Amabile Lettura

Sinossi:

È la storia di Auggie, nato con una tremenda deformazione facciale, che, dopo anni passati protetto dalla sua famiglia per la prima volta affronta il mondo della scuola. Come sarà accettato dai compagni? Dagli insegnanti? Chi si siederà di fianco a lui nella mensa? Chi lo guarderà dritto negli occhi? E chi lo scruterà di nascosto facendo battute? Chi farà di tutto per non essere seduto vicino a lui? Chi sarà suo amico? Un protagonista sfortunato ma tenace, una famiglia meravigliosa, degli amici veri aiuteranno Augustus durante l’anno scolastico che finirà in modo trionfante per lui. Il racconto di un bambino che trova il suo ruolo nel mondo. Il libro è diviso in otto parti, ciascuna raccontata da un personaggio e introdotta da una canzone (o da una citazione) che gli fa da sfondo e da colonna sonora, creando una polifonia di suoni, sentimenti ed emozioni. Età di lettura: da 11 anni.

Biografia Autrice:

Raquel Jaramillo nasce nel Queens in una famiglia di immigrati colombiani.Frequenta il liceo The High School of Art & Design a Manhattan e si laurea in illustrazioni alla Parsons School of Design.Dopo la laurea illustra le copertine di moltissimi libri come Peter Pan: The Original Tale of Neverland o il romanzo rosa Ride Baby Ride.Nel 2012 esce il suo primo romanzo per ragazzi sotto lo pseudonimo di R.J. Palacio (Palacio è il cognome della madre), Wonder, un storia sul bullismo che inizia a spopolare nelle scuole. In seguito a Wonder comincia a pubblicare una serie di libri su tutti i personaggi principali, come il bullo, Julian, o Cristopher, uno dei migliori amici di Auggie, il protagonista di Wonder. Oggi la scrittrice vive a Brooklin con il marito Russell Gordon e i due figli Caleb e Joseph. Ha anche due cani, Bear e Beau.

Libri seguenti:

  • Il libro di Charlotte.
  • Il libro di Julian.
  • Il libro di Christopher.
  • Siamo tutti Wonder.
  • Mai più. Per non dimenticare. A Wonder story.

Film:

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

Crea il tuo sito web su WordPress.com
Crea il tuo sito
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: