27 Gennaio Giorno della Memoria

Il 27 Gennaio 1945 le truppe dell’Armata Rossa entrarono ad Auschwitz liberando il campo di sterminio. Dal 2005 ogni anno questo giorno è dedicato alla commemorazione delle vittime dell’Olocausto.

Grazie alle tante testimonianze, dirette e indirette, oggi abbiamo tanti libri per conoscere, sapere e soprattutto per non dimenticare, perchè come dice la citazione sul monumento nel campo di concentramento di Dachau …..

Quelli che non ricordano il passato sono condannati a ripeterlo

AmabiliLetture ha selezionato per voi alcuni libri per approfondire l’argomento, tra Saggi, Romanzi, Testimonianze e libri per Ragazzi.

Alcuni di essi saranno consigliati con una Recensione curata personalmente da noi, per meglio orientare la vostra scelta.

Buona Lettura.

.

La liberazione dei campi. La fine della Shoah e le sue eredità

di Dan Stone

Quando i martoriati prigionieri dei campi di concentramento e di sterminio furono liberati, l’orrore delle atrocità naziste venne alla luce per intero. A stento si può immaginare l’enorme sollievo provato in quel momento dai prigionieri. Tuttavia, per chi era sopravvissuto all’inimmaginabile, l’esperienza della liberazione fu un lento e sfibrante percorso di ritorno alla vita. In questa indagine senza precedenti sui giorni, mesi e anni successivi all’arrivo delle forze alleate nei campi nazisti, uno dei più importanti storici dell’Olocausto utilizza fonti archivistiche e testimonianze dirette, scritte e orali, per raccontare le nuove odissee che i prigionieri liberati dovettero affrontare e le grandi difficoltà incontrate da chi li liberò nel tentativo di ridare un senso alle loro vite in frantumi. Dan Stone si concentra sui sopravvissuti: sul loro senso di colpa, sullo sfinimento, le paure, la vergogna che provavano per essere ancora vivi e il devastante dolore per i famigliari perduti, sugli enormi problemi di salute, e sulle loro successive richieste di abbandonare i campi sfollati per insediarsi in altri Paesi. L’autore non descrive soltanto gli sforzi che i liberatori (russi, inglesi, americani e canadesi) dovettero affrontare per soddisfare i bisogni immediati dei superstiti, ma prende anche in considerazione i problemi a lungo termine che influenzarono il mondo del dopoguerra, primo baluginare dell’imminente guerra fredda.

Link D’Acquisto: https://www.amazon.it/liberazione-campi-della-Shoah-eredit%C3%A0/dp/8806233564/ref=sr_1_1?__mk_it_IT=%C3%85M%C3%85%C5%BD%C3%95%C3%91&keywords=la+liberazione+dei+campi&qid=1579208519&sr=8-1

La soluzione finale. Come si è giunti allo sterminio degli ebrei

di Hans Mommsen

Come giunse la Germania nazista alla “soluzione finale” della questione ebraica, a ciò che appare essere il maggior crimine nella storia dell’umanità? In questo volume uno tra i più accreditati studiosi del Terzo Reich mostra come l’antisemitismo, che prese forza tra la fine dell’Ottocento e la Grande Guerra, costituisse un tratto comune dei movimenti di estrema destra negli anni della Repubblica di Weimar, per poi tradursi in persecuzione sempre più violenta con il nazismo al potere. E tuttavia, nonostante le discriminazioni e le violenze, la distruzione del popolo ebraico, pur auspicata nella retorica millenaristica del Führer, non era veramente inscritta nell’agenda del nazismo. Fu la guerra all’Est a far precipitare la situazione: da un lato la conquista di territori, come la Polonia, con una cospicua popolazione ebraica, dall’altro il fallimento dell’attacco all’Urss, che mandò in fumo il progetto di deportare gli ebrei al di là degli Urali. In una micidiale miscela di arbitrio, efficienza tecnologica e burocratica, ottundimento morale, lo sterminio – secondo Mommsen – si nutrì di se stesso, come scivolando su un piano inclinato, e infine, con le deportazioni avviate in modo sistematico a partire dall’estate del 1942, si rivelò per quello che era: il programma di un genocidio.

Link D’Acquisto : https://www.amazon.it/soluzione-finale-giunti-sterminio-degli/dp/8815267417/ref=sr_1_1?__mk_it_IT=%C3%85M%C3%85%C5%BD%C3%95%C3%91&keywords=Hans+Mommsen&qid=1579210938&s=books&sr=1-1

Il Treno Dei Bambini

di Viola Ardone

https://amabililettureblog559331890.wordpress.com/2020/01/27/il-treno-dei-bambini-di-viola-ardone/

L’Amico ritrovato

di Fred Uhlman




https://amabililettureblog559331890.wordpress.com/2020/01/27/lamico-ritrovato/

La lettera perduta

di Jillian Cantor

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è 41lwuurnnbl._sx323_bo1204203200_.jpg

Austria, 1938. Kristoff, giovane orfano viennese, diventa apprendista presso Frederick Faber, mastro incisore specializzato nella realizzazione di francobolli. Quando il suo mentore, ebreo, scompare durante le devastazioni della terribile Notte dei Cristalli, Kristoff è costretto a mandare avanti la bottega al servizio dei nazisti. Ma la figlia di Faber, Elena, scampata alla cattura e collaboratrice della Resistenza, lo convince a unirsi alla causa, falsificando documenti e inviando messaggi in codice. Per lei, di cui è perdutamente innamorato, Kristoff farebbe qualunque cosa, a costo della sua stessa vita. Los Angeles, 1989. Da bambina, Katie amava accompagnare al mercato delle pulci suo padre, che era sempre alla ricerca di francobolli rari. Ora che l’Alzheimer gli sta togliendo passioni e ricordi, Katie spera di fargli un regalo gradito facendo stimare tutta la sua collezione. L’esperto di filatelia cui si rivolge, Benjamin Grossman, vi scopre una lettera la cui affrancatura, risalente all’inizio del secolo, sembra nascondere un messaggio segreto. Con l’aiuto di Benjamin, Katie decide di svelarne il mistero. Non sa ancora che la ricerca li condurrà a ritroso nel tempo, alla scoperta di una giovane coppia che si era giurata amore eterno, e poi nel presente esaltante di una Berlino che sta cambiando il mondo con la caduta del Muro. Non sa ancora che spetterà a lei, ora, rendere giustizia a quell’amore e a quella promessa. Ispirato a testimonianze reali della Resistenza.

Link D’Acquisto: https://www.amazon.it/lettera-perduta-Jillian-Cantor/dp/8820065452/ref=sr_1_1?__mk_it_IT=%C3%85M%C3%85%C5%BD%C3%95%C3%91&crid=2VD7051WEAH7H&keywords=la+lettera+perduta&qid=1579211591&s=books&sprefix=la+lettera+perduta%2Cstripbooks%2C1077&sr=1-1

Diario

di Anne Frank

28 marzo 1944. Il governo olandese in esilio lancia via radio un appello ai connazionali perché conservino ogni testimonianza utile a raccontare ciò che sta accadendo nei Paesi Bassi occupati dai nazisti. Ad ascoltarlo c’è un’adolescente ebrea che vive ad Amsterdam in un nascondiglio. Da grande vuole fare la giornalista o la scrittrice, e da circa due anni tiene un diario: un testo intimo, destinato solo a sé. Ma a partire da quel giorno la “bambina di Amsterdam” si dedica consapevolmente a riscrivere il diario, proprio per conferirgli quel valore eterno. Preziosa fonte storiografica e precoce laboratorio di scrittura, il Diario, nella sua duplice redazione (A e B), mette in luce tutta la valenza umana e letteraria di un «libro composto sul confine dell’abisso». Introduzione di Alberto Cavaglion

Link D’Acquisto : https://www.amazon.it/Diario-stesure-originali-Anne-Frank/dp/8804707429/ref=sr_1_6?__mk_it_IT=%C3%85M%C3%85%C5%BD%C3%95%C3%91&crid=3TLJLO6SL31O3&keywords=il+diario+di+anna+frank&qid=1579209194&sprefix=il+diario+%2Caps%2C266&sr=8-6

Se questo è un uomo

di Primo Levi

Primo Levi, reduce da Auschwitz, pubblicò “Se questo è un uomo” nel 1947. Einaudi lo accolse nel 1958 nei “Saggi” e da allora viene continuamente ristampato ed è stato tradotto in tutto il mondo. Testimonianza sconvolgente sull’inferno dei Lager, libro della dignità e dell’abiezione dell’uomo di fronte allo sterminio di massa, “Se questo è un uomo” è un capolavoro letterario di una misura, di una compostezza già classiche. È un’analisi fondamentale della composizione e della storia del Lager, ovvero dell’umiliazione, dell’offesa, della degradazione dell’uomo, prima ancora della sua soppressione nello sterminio.

Link D’acquisto: https://www.amazon.it/Se-questo-uomo-Primo-Levi/dp/8806219359/ref=sr_1_1?__mk_it_IT=%C3%85M%C3%85%C5%BD%C3%95%C3%91&keywords=se+questo+%C3%A8+un+uomo&qid=1579209427&sr=8-1

Sopravvissuta ad Auschwitz. Liliana Segre, testimone della Shoah

di Emanuela Zuccalà

Quando fu liberata, con l’arrivo degli Alleati, Liliana Segre aveva 14 anni e pesava 32 kg. Come abbia potuto sopravvivere nell’inferno di Auschwitz in quelle condizioni, non sa spiegarselo ancora oggi. Non è mai più ritornata ad Auschwitz. Dopo tanti anni di voluto silenzio, Liliana ha deciso di testimoniare per una serie di ragioni private e universali insieme: il debito verso i suoi cari scomparsi ad Auschwitz; la fede nel valore della memoria, e nella necessità di tenerla viva per tutti coloro che verranno dopo. L’esperienza inumana del periodo di deportazione, non ha condizionato la sua volontà di essere una donna di pace e di perdono. E racconta soprattutto per i giovani e per gli adulti che si occupano di giovani. Per tutti è importante conoscere ciò che successe allora e ricordare… perché simili aberrazioni della storia non si ripetano più. Presentazione di Carlo Maria Martini.

Link D’Acquisto : https://www.amazon.it/Sopravvissuta-Auschwitz-Liliana-Segre-testimone/dp/8831551604/ref=sr_1_5?__mk_it_IT=%C3%85M%C3%85%C5%BD%C3%95%C3%91&keywords=liliana+segre&qid=1579211280&s=books&sr=1-5

Fino a quando la mia stella brillerà

di Liliana Segre e Daniela Palumbo



https://amabililettureblog559331890.wordpress.com/2020/01/27/fino-a-quando-la-mia-stella-brillera-di-liliana-segre-con-daniela-palumbo/

La stella che non brilla. La Shoah narrata ai bambini

di Guia Risari , G. Marchegiani (Illustratore)

Una storia delicata e al tempo stesso potente per raccontare ai bambini la tragedia della Shoah attraverso parole di speranza. «Ricordare. Devi solo ricordare perché niente del genere possa mai ripetersi.» Con un’appendice di approfondimento storico e artistico. Età di lettura: da 9 anni.

Link D’Acquisto: https://www.amazon.it/stella-brilla-Shoah-narrata-bambini/dp/8858023226/ref=sr_1_1?__mk_it_IT=%C3%85M%C3%85%C5%BD%C3%95%C3%91&keywords=la+stella+non+brilla&qid=1579209738&sr=8-1

Le valigie di Auschwitz.

di Daniela Palumbo

Carlo, che adora guardare i treni e decide di usarli come nascondiglio; Hannah, che da quando hanno portato via suo fratello passa le notti a contare le stelle; Émeline, che non vuole la stella gialla cucita sul cappotto; Dawid, in fuga dal ghetto di Varsavia con il suo violino. Le storie di quattro ragazzini che, in un’Europa dilaniata dalle leggi razziali, vivono sulla loro pelle l’orrore della deportazione. Età di lettura: da 9 anni.

Link D’acquisto: https://www.amazon.it/valigie-Auschwitz-Daniela-Palumbo/dp/8856670224/ref=pd_sim_14_4/259-4233305-4713910?_encoding=UTF8&pd_rd_i=8856670224&pd_rd_r=ef90bfd2-10fd-4ff0-8a74-bf66dc52ec24&pd_rd_w=h3MjT&pd_rd_wg=QUkMN&pf_rd_p=05cba858-3566-4772-91fc-aa7f9f578f18&pf_rd_r=SHWP6J33PB8ADJPQ2BD2&psc=1&refRID=SHWP6J33PB8ADJPQ2BD2

Il bambino con il pigiama a righe

di John Boyne

Leggere questo libro significa fare un viaggio. Prendere per mano, o meglio farsi prendere per mano da Bruno, un bambino di nove anni, e cominciare a camminare. Presto o tardi si arriverà davanti a un recinto. Uno di quei recinti che esistono in tutto il mondo, uno di quelli che ci si augura di non dover mai varcare. Siamo nel 1942 e il padre di Bruno è il comandante di un campo di sterminio. Non sarà dunque difficile comprendere che cosa sia questo recinto di rete metallica, oltre il quale si vede una costruzione in mattoni rossi sormontata da un altissimo camino. Ma sarà amaro e doloroso, com’è doloroso e necessario accompagnare Bruno fino a quel recinto, fino alla sua amicizia con Shmuel, un bambino polacco che sta dall’altro lato della rete, nel recinto, prigioniero. John Boyne ci consegna una storia che dimostra meglio di qualsiasi spiegazione teorica come in una guerra tutti sono vittime, e tra loro quelli a cui viene sempre negata la parola sono proprio i bambini. Età di lettura: da 12 anni.

Link D’Acquisto: https://www.amazon.it/bambino-pigiama-righe-John-Boyne/dp/8817064076/ref=sr_1_1?__mk_it_IT=%C3%85M%C3%85%C5%BD%C3%95%C3%91&crid=43YDW15SR1IU&keywords=il+bambino+dal+pigiama+a+righe&qid=1579210668&s=books&sprefix=il+bambino+dal+pigi%2Cstripbooks%2C291&sr=1-1

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

Crea il tuo sito web su WordPress.com
Crea il tuo sito
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: