” Il Volo della Libellula” di Maria Lidia Petrulli

Scheda libro

Titolo: Il volo della Libellula

Autore : Maria Lidia Petrulli

Editore : Ensemble

Pagine : 202

Data Uscita : 19 settembre 2019

Link acquisto: https://www.amazon.it/della-libellula-Maria-Lidia-Petrulli/dp/886881515X/ref=as_sl_pc_qf_sp_asin_til?tag=dany05-21&linkCode=w00&linkId=71a13766f32b23b500176992b86c8c08&creativeASIN=886881515X

Trama ufficiale

Amélie, restauratrice dal singolare talento, inizia a soffrire di ipocondria e attacchi di panico dopo aver affrontato il primo momento difficile della sua carriera. Vive da due anni a Firenze, dove ha il coraggio di percorrere un solo tratto di strada, quello fra casa sua e il luogo di lavoro. Alberto è un avvocato, tanto altezzoso quanto insoddisfatto, che lavora malvolentieri in una biblioteca per avere un po’ di indipendenza economica. Giulia, la sua fidanzata, insicura e timorosa, è un ingegnere alle prese con importanti scelte professionali, che potrebbero finalmente dare uno scossone alla sua carriera e alla sua vita. Vittima della frustrazione e della gelosia del suo compagno, riesce a malapena a prendere una decisione. Quando Alberto trova in biblioteca un libriccino estremamente datato, legato alla figura di Leonardo da Vinci e al suo ultimo capolavoro, il San Giovanni Battista, le tre storie convergono, sviluppandosi all’interno di un giallo psicologico che non si svelerà fino alle ultime, imprevedibili, battute finali, e rivelando ai protagonisti importanti verità sulla vita e sul suo naturale percorso.

Recensione a cura di Daniela Sardella

Alcuni scrittori infondono una certa sicurezza , la sicurezza di avere tra le mani un libro che non deluda ! A questo proposito , oggi vorrei parlarvi dell’ Ultimo manoscritto di Maria Lidia Petrulli:” Il Volo della Libellula “ . Come dicevo nell’ introduzione, è una sicurezza l’ aver conosciuto la penna magnifica dell’Autrice, proprio grazie al suo precedente lavoro, ovvero: “Il Collezionista di Clessidre ” , di cui potete trovare la recensione sul Sito Amabili.

Le due storie sono differenti e trattano argomenti particolari , ma lo stile utilizzato è inconfondibile. Riesce a portare il lettore direttamente nella storia creando un legame importante tra chi vive direttamente l’ esperienza raccontata e chi la vive indirettamente. Fantastico!

Parliamo un po’ della storia . L’ Autrice ci porta nella bellissima Firenze e ,ovviamente non può mancare la romantica Parigi. Qui incontreremo i protagonisti : Amélie, Giulia e Alberto . Tre vite, tre esperienze differenti fra loro ma inevitabilmente collegate da un filo sottile. Personalmente, mentre leggevo, ho immaginato un Burattinaio, che con la sua estrema abilità, gioca con i personaggi pilotando i fili delle loro sorti, intrecciandone il cammino. Una sensazione davvero strana e inquietante! Ma conosciamo meglio ognuno di loro .

Amélie è una restauratrice, lavora all’ Opificio di Firenze. Dopo essersi trasferita dalla bella Parigi tutto sembra confuso e risulta dubbiosa anche la ragione per cui ha deciso di stabilirsi in Italia. C’è qualcosa che ha stravolto le sue certezze rendendola vulnerabile, estremamente fragile. Tutto le causa stress! Il tragitto che deve percorrere dall’unico luogo per lei sicuro, ovvero la sua dimora, e il lavoro è un incubo vero e proprio. Non ama relazionarsi con nessuno e l’ unica cosa che le dona sollievo sono: la borsa che porta sempre con sé, da lei nominata Salvavita, visto che, all’interno c’ è ogni sorta di medicinale adatto a qualsiasi problema e il cibo, antistress per eccellenza.

A seguire ,abbiamo Alberto ex avvocato e uomo insoddisfatto della vita in generale. A causa degli insuccessi lavorativi sotto il suo campo, si ritrova nella mansione di Bibliotecario. Questo lavoro per lui è una vera condanna, una mansione troppo umile e insignificante. Ogni giorno risulta essere una punizione, e più il tempo passa più il suo atteggiamento muta a causa del grande risentimento che cova nei confronti di chi ha permesso tutto questo, offuscando la ragione stessa. Al suo fianco troviamo la fidanzata Giulia. Una donna che dedica le proprie forze per assicurarsi un futuro migliore e magari ottenere una mansione prestigiosa, che secondo il suo fidanzato Alberto non merita, o meglio, secondo la sua logica ed esponendo un concetto offensivo e spudoratamente contorto, accusa Giulia di intrattenere rapporti non professionali solo per ottenere un contratto prestigioso. Tutto questo, associato all’ eterna insicurezza, genera in Giulia forti dubbi sulle sue qualità lavorative tanto da convincerla di non meritare un nuovo ed importante incarico affidatogli.

Come già anticipato, le vite di Amélie, Alberto e Giulia si intrecciano e la cosa più particolare è come nasce tale collegamento. Ebbene, come primo aspetto, entra in scena un Personaggio Importante , un Icona dell’Arte: Leonardo Da Vinci. Casualmente, Alberto, durante il lavoro, è attirato da un piccolo libricino Antico. Il contenuto è davvero singolare! Si tratta di un piccolo Diario scritto da un semplice uomo, dove è menzionato dell’incontro con Leonardo Da Vinci. Purtroppo Alberto, per vari motivi, e non apprezzando il valore di tale scritto, decide di venderlo senza pensarci due volte. Nel frattempo, Amélie riceve un disegno da suo zio, direttamente da Parigi. La richiesta è capirne Autore e provenienza. A detta dell’amato Zio, solo lei poteva scoprire qualcosa, perché possedeva un particolare Dono. Ma non è finita qui! Anche Giulia, in un momento particolare, incontrerà una persona che gli presterà soccorso. Ma cosa avranno mai in comune le tre situazioni?

Mi fermo qui! Non posso raccontare altro! Tramite i protagonisti, all’ esperienze vissute, pilotate unicamente da Paure, Dubbi, Insicurezza e Inadeguatezza, e nello stesso tempo il cercare in tutti i modi di affrontare questi ostacoli, l’ Autrice ci pone dinnanzi a una verità essenziale che ognuno di noi dovrebbe comprendere, quindi un Grande Punto di Riflessione.

Un Giallo Psicologico decisamente sopra le righe. L’ Autrice con estrema Abilità descrive le sensazioni dei protagonisti. Non sei solo partecipe di ogni azione fatta e subita, ma riesci a percepire i pensieri subdoli e carichi di odio di Alberto. Puoi sentire i tremori di Giulia, l’ ansia che non le da pace, guardare gli occhi vuoti e persi. In alcuni momenti ho avuto davvero paura! La follia di Alberto, quella rabbia interiore che riversava su Giulia era spaventosa. Avrei voluto prenderla tra le braccia, stringerla forte per rassicurarla. Inutile dire che , in alcuni momenti, ho sentito una stretta al cuore pensando che, purtroppo nella vita reale si manifestano migliaia di questi episodi.

Credo che il messaggio sia chiaro! Non fatevi scappare ” Il volo della Libellula “, un titolo che ne rispecchia decisamente il contenuto. Concludo con i miei più sinceri complimenti. Aspetto con ansia il prossimo libro di Maria Lidia Petrulli perché so già che non potrà deludermi.

Come sempre Amabili letture Blog .

Biografia Autrice

(Roma, 1957) vive a Quartu Sant’Elena, in Sardegna. È medico psichiatra e psicoterapeuta. Fra le sue pubblicazioni, la trilogia fantasy Il volto segreto di Gaia e la saga per ragazzi Emilie Sanslieu; il fantasy storico Sotto le colline d’Irlanda; il noir Il collezionista di clessidre e l’antologia La bambina che voleva essere trasparente, vincitrice del premio Il Litorale 2015. Il volo della libellula ha vinto il premio Grati 2014 ed è stato finalista dei premi letterari Kobo Writing 2017 (sezione inediti), Como Poesia 2018 e Ioscrittore 2018

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

Crea il tuo sito web su WordPress.com
Crea il tuo sito
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: