Speciale Amabili Interviste: Review party con ” Chiara Casalini

Intervista a cura di Daniela Sardella

Altro giro e altra Intervista Autore! Questa volta abbiamo unito Evento Review Party e intervista così da poter completare la settimana in modo adeguato. Vi presento immediatamente la nostra ospite , ovvero l’ Autrice Chiara Casalini . In vista della sua ultima uscita letteraria è stato organizzato , per l’ appunto , il Review Party , e noi siamo felicissimi di aver partecipato. Nei giorni precedenti abbiamo Segnalato e Recensito il suo Romanzo ” Nika – La schiavitù del Silenzio “, editato dalla Dark Zone. Ho letto e recensito questo libro che mi ha letteralmente spiazzato. Un genere differente , una vera sorpresa ! Non voglio dilungarmi ancora , direi piuttosto di passare direttamente alle domande.

Benvenuta Chiara e grazie per il tempo a noi dedicato. Iniziamo!

Ciao carissima Chiara. Noi ti conosciamo già ma è giusto porti la nostra domanda di rito proprio per dare l’opportunità a tutte quelle persone che ancora non hanno avuto il piacere di fare la tua conoscenza. Chi è Chiara Casalini? Parlaci un po’ di te!

Ciao Daniela. Sono una mamma single quarantaduenne, grafica, ex cantante e fondatrice di una band metal, amante della tradizione nordica, delle arti marziali (ho praticato Aikijutsu per anni) ed esoterista da una vita. Appassionata di lettura, soprattutto di genere fantastico e saghe nordiche, ma in generale di tutto ciò che riesce a farmi emozionare.

Chi ti ha introdotto nel mondo della lettura?

Credo il merito vada alla mia professoressa di lettere delle medie, che ha saputo darci dei buoni titoli e ha assecondato poi le mie preferenze. Secondo lei l’importante era leggere e la passione per la lettura, nonché la cultura.

Quando e com’è cominciato il tuo percorso nella scrittura? Racconta.

Per la scrittura in generale è iniziato sui banchi di scuola, ma era rivolto alla musica, infatti il primo testo lo scrissi a quattordici anni. Ai romanzi sono arrivata per caso, o meglio, per un gioco. Con gli amici si giocava di ruolo e nel momento in cui dovetti scrivere il background del mio personaggio, mi ritrovai con un sacco di idee. Fu poi il master stesso a darmi l’input. Per scherzo gli dissi di ritenersi fortunato, perché se avessi scritto tutta la storia, gli avrei consegnato un libro. Terminata la lettura del background, mi disse che il libro lo avrebbe letto volentieri e così è nato il primo libro della trilogia di Scarlet. L’esperienza mi è piaciuta e ho proseguito, mettendomi a studiare le tecniche e quant’altro.

Ho letto la Saga di Scarlet, che ho adorato e Cuore di Lupo, direi bellissimo. Sono un genere totalmente diverso dalla tua ultima pubblicazione. Cosa ti ha portato verso una scelta differente?

Lasciare il contesto fantasy mi spaventava un po’, non ero certa di esserne in grado. Tuttavia, a seguito di molte discussioni dove il romance veniva giudicato di serie B e facile da scrivere, ho cercato di capire questo genere, che in effetti non seguivo, piuttosto convinta che non esista un genere facile da scrivere, se lo si vuol fare bene. Il caso ha voluto che la nostalgia per la musica e la band in quel periodo abbiano dato vita a un’idea. È stata, quindi, una sfida con me stessa, a uscire dalla mia comfort zone, dopo aver studiato gli elementi peculiari del romance e averne visto grandi potenzialità.

Parliamo, appunto, del tuo ultimo romanzo: “Nika. La schiavitù del silenzio”. È una storia che tratta un argomento delicato e molto importante. Ti va di fare una sorta di presentazione?

Nika prosegue su un tema a cui tengo e che già avevo iniziato a trattare con “Cuore di Lupo”: la violenza sulle donne. È la storia di una ragazza che ha toccato il fondo e deciso di sopravvivere, di liberarsi. Ma sopravvivere e vivere sono due cose diverse. Superare il trauma e rinascere è un percorso lungo, difficile, ci vogliono tempo, aiuto e anche fortuna, a volte. Nika lo comprenderà pian piano, sulla sua pelle, dovrà affrontare le conseguenze di certe scelte e farne di nuove, scontrarsi con le catene che il silenzio e i segreti ti stringono addosso, decidere se merita o meno l’affetto e l’amore di altre persone. È una storia che parla attraverso la musica, unica fuga al silenzio e riscatto dal passato, fatta di emozioni e forti contrasti.

Ripensando alla lettura mi sono resa conto quanto è risultato facile entrare nel racconto, avvicinarmi ai protagonisti, capire le loro paure, emozioni, i limiti stessi sia di Nika e sia di Black. Ora mi domando come sei riuscita a creare tutto questo? E quanto è stato difficile scrivere di un atto così ignobile, ma aimè, reale ovvero ” la violenza sulle donne”?

Quando scrivo, mi calo nei personaggi e mi lascio attraversare dalle loro emozioni, le faccio mie e le provo con estrema intensità. Poi, cerco di trasmetterle attraverso le parole. Di conseguenza, scrivere di certi argomenti è tutt’altro che semplice o leggero, perché fa male, ma è lo stesso dolore che voglio comunicare e far comprendere al lettore. Per cui ne vale la pena e ci credo molto.

Parlarne anche nei romanzi credi che aiuti a sensibilizzare la gente sull’argomento o che possa essere di aiuto per la parte lesa?

Sì, credo sia molto importante parlarne e i romanzi sono uno strumento, a mio avviso, molto potente e con un gran potenziale. Può aiutare le persone a capire meglio i problemi e le dinamiche che circondano questi eventi, ma spero tanto di poter essere di un qualche aiuto anche a chi è in difficoltà, a chi ha bisogno di sapere di non essere solo e di non essere giudicato.

Una volta terminata la stesura e arrivando alla pubblicazione, cosa hai provato?

Dopo la stesura ho avuto un momento di grande incertezza, in parte placata dai beta-reader entusiasti. È stata soprattutto una di loro, Elena, a spronarmi a proporlo per la pubblicazione. Ha avuto ragione lei, come sempre.
L’invio e poi l’attesa, in cui cercavo di non pensarci – scrivendo altro – segnati dai momenti in cui già mi vedevo rifiutata, eppure, cresceva la convinzione che Nika meritasse una possibilità.
L’incredulità e la gioia nel ricevere l’email con la proposta di pubblicazione: a momenti non mi metto a piangere in mezzo al negozio dove mi trovavo! E anche a PLPL mi sono quasi messa a piangere, quando l’ho visto lì allo stand (salvata dal tempestivo abbraccio dell’ormai sorella acquisita): era vero, Nika ce l’aveva fatta a uscire dal silenzio.
Questo è lo spettro di emozioni che mi ha accompagnata.

Cosa ci puoi dire dell’esperienza con la Dark Zone?

Dire “stupenda” sarebbe riduttivo. Desideravo tanto pubblicare con la DZ, sognavo di far parte della Dark Family perché è più unica che rara. La si sente e la si respira conoscendoli, dal vivo è palpabile. È una realtà che mette al primo posto le persone, creando uno splendido legame tra lo staff che fa perno su Francesca Pace. Umanità, collaborazione, trasparenza e organizzazione mi hanno portata a vivere con molta più serenità tutto – a dispetto della mia ansia -, compresa la meravigliosa trasferta romana per PLPL. Si capisce che sono molto contenta dell’esperienza? Spero di sì.

Progetti futuri?

Sicura e già programmata la seconda pubblicazione con la Dark Zone, proseguendo questa nuova avventura, per il prossimo inverno con “Freak show”. Qualcuno direbbe che porta la mia firma, visto che proseguo sui temi a me cari in un testo tra il romance e la narrativa. Daniela, ti dico solo che amerai i due giovani protagonisti, ne sono certa.
In lista per la pubblicazione c’è il fantasy romance “Nero Corvo”, sviluppato per buona parte come esperimento su Wattpad. Sto anche lavorando con ElenArt al progetto di un racconto illustrato, “Amanti dannati”. Poi mi fermo per non sbilanciarmi troppo, ma i romanzi da ultimare e le idee da sviluppare sono molti, per cui incrociamo le dita!

Grazie Chiara per la tua serietà e disponibilità oltre che grande simpatia. Credo che sia una grande opportunità parlare direttamente con l’ Autore perché si può capire tanto altro , sia riguardo aspetti a noi sconosciuti e sia sul Romanzo stesso . Vorrei ricordare a tutti voi che Domani , Sabato 11 Gennaio dalle 9.00 alle 13.00 circa avremo Chiara Casalini ospite nel nostro Gruppo Privato Amabili Letture blog , gruppo affiliato alla pagina ufficiale Facebook . Basta recarsi sulla pagina e potrete inviare la richiesta d’ ingresso che verrà accettata nell’ arco di un’ ora al massimo ! Allora vi aspettiamo numeri e come sempre

Amabili letture Blog ciaooooooo!!!!!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

Crea il tuo sito web su WordPress.com
Crea il tuo sito
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: