“Il Gruffalò” di Julia Donaldson, illustrato da Axel Scheffler

Dettagli Prodotto:

Copertina flessibile: 32 pagine
Editore: Emme Edizioni (3 febbraio 2015)
Collana: Albumini
Lingua: Italiano
ISBN-10: 8867143336
ISBN-13: 978-8867143337

Link d’acquisto:

Recensione a cura di Jennifer Gaspari:

Quando sentii parlare per la prima volta del Gruffalò, ricordo che mi chiesi: “Come può un affare così brutto piacere così tanto ai bambini?”. Poi, mi convinsi ad acquistarlo. Letto una volta, me ne innamorai!! Da quel momento è diventato uno dei libri che io e le mie bambine, leggiamo più spesso.

La storia è davvero carina ed originale: si narra di un Topino che, camminando in un bosco, incontra sulla sua strada diversi altri animali che, appena lo vedono, se lo vogliono mangiare. Niente di strano fino a qui, se non che, il Topino si salva ogni volta, senza scappare, senza spaventarsi, con sangue freddo e tanta astuzia! Che si inventerà questo Topino per farla franca? In fondo la Volpe, la Civetta ed il Serpente sono animali decisamente più grandi di lui, più pericolosi e decisamente affamati! Come sfuggire dai loro attacchi? Pensateci un po’…come può un Topino piccino piccino spaventare tutti e tre gli animali? Spaventandoli a sua volta, ovviamente!! Sì, ma come? La genialità del racconto sta esattamente in questo: che cos’è la cosa che spaventa di più al mondo? Che siano volpi, civette, serpenti o anche umani? Ciò che non si conosce!! Ecco ciò che spaventa di più! E allora il topino inventerà di essere amico del Gruffalò, un grosso animale che nessuno ha mai visto… anche perché è tutto frutto della fantasia del Topino! Parte così una descrizione accuratissima, di questo Gruffalò che fa paurissima ai tre animali e tutti scappano spaventati! E il Topino è salvo! Ma… le bugie si sa, hanno le gambe corte, e il Topino lo scoprirà ben presto, che ad inventare un mostro come amico, a volte, si esagera un po’… e può succedere che… Ovviamente non vi dirò che succede… Lo dovete scoprire voi!

Il mondo del Gruffalò è un mondo delizioso, intelligente ed arguto, ma sopratutto è un mondo che vive di RIME! Rime che creano un ritmo ed una facilità di lettura per le mamme ed i papà, che non può che essere un punto a favore del racconto. Rime che permetteranno ai bambini di impararlo quasi a memoria, anche perché, ve lo dico, ve lo faranno leggere, rileggere, e leggere ancora.

Il messaggio del Gruffalò è semplice, ma molto profondo: le paure si possono sempre vincere! Anche se sei un Topino, sei piccolo, e tre animali spaventosi, ti hanno scelto per pranzo! Scappare davanti alle proprie paure non serve a nulla, ciò che serve è affrontarle con intelligenza ed un po’ di quella furbizia che non non nuoce a nessuno, ma fortifica e ti salva dagli impicci. Attenzione però, che ad essere furbi furbi, bisogna sempre sapere anche… affrontare le conseguenze!

Il Gruffalò è oramai famoso in tutto il mondo, tant’è vero che troviamo anche il proseguo di questo delizioso libricino. “Il Gruffalò e la sua piccolina”, che ne è un dolcissimo seguito. Dal libro sono anche stati tratti i cartoni, con le stesse illustrazioni e sempre in rima. Io vi consiglio tutto tutto tutto! Il primo libro, il secondo ed anche i film! Sono tutti stati creati con estrema intelligenza e li amerete alla follia, sia voi, sia i vostri bambini! Beh? Che fate ancora lì? Comprateli su!

Buona Amabile Lettura

Sinossi:

Un topo passeggia attraverso il bosco e grazie alla sua intelligenza sfugge a numerosi pericoli: sulla sua strada infatti il topo incontra diversi animali pericolosi (una volpe, una civetta e un serpente), ognuno dei quali vuole mangiarselo, invitandolo a casa propria per un pasto o una festa. Ma il topo è astuto e rifiuta ogni tranello: per dissuadere ulteriori tentativi, dice ad ogni animale che ha in programma di cenare proprio lì con il suo amico Gruffalò, una creatura descritta come mostruosa e il cui cibo preferito sembra essere una “volpe impanata”, “civette con tutte le piume” o “serpenti cotti al funghetto”. Spaventato dal fatto che il misterioso Gruffalò possa divorarlo, ogni animale fugge. Il topo gongola ogni volta, meravigliato della stupidità dei nemici.

Dopo essersi liberato dei tre animali nemici, all’improvviso il topo incontra un vero Gruffalò in carne e ossa, che gli appare spaventoso esattamente così come lo aveva inventato e descritto. Il Gruffalò minaccia di mangiare il topo, ma questo si fa nuovamente furbo: dice al Gruffalò che lui, il topo, è l’animale più spaventoso della foresta. Ridendo, il Gruffalò accetta di seguire il topo, per vedere se quanto detto sia vero. Camminando per la foresta, il topo seguito dal Gruffalò rincontra i tre animali che prima lo avevano minacciato. Ognuno di essi scappa terrorizzato alla vista della coppia, cosicché il Gruffalò diventa sempre più stupito di quanto sia spaventoso quel piccolo roditore. Sfruttando questo timore, il topo fa finta di avere fame e minaccia di mangiare il Gruffalò, che fugge all’istante.

Biografia Autrice:

Julia Donaldson vive vicino a Glasgow con la famiglia. Ha iniziato la sua carriera di autrice componendo canzoni per bambini. Dal 1993 ha scritto più di quaranta opere narrative e teatrali per l’infanzia e l’adolescenza, tra cui la pluripremiata storia del Gruffalò, tradotta in quaranta lingue. In collaborazione con l’illustratore Axel Scheffler ha pubblicato molti altri album illustrati di grande successo, tra cui La strega RossellaLa chiocciolina e la balenaZog e Il topo brigante, tutti editi da Emme Edizioni.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

Crea il tuo sito web su WordPress.com
Crea il tuo sito
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: