L’OMBRA DEL GIRASOLE – di Simona Bosco

TITOLO: L’OMBRA DEL GIRASOLE

AUTORE: SIMONA BOSCO

EDITORE: LEONE EDITORE  

GENERE: THRILLER

DATA DI PUBBLICAZIONE:  6 GIUGNO 2019

FORMATO:  COPERTINA FLESSIBILE/E-BOOK

 

AMAZON : https://www.amazon.it/Lombra-del-girasole-Simona-Bosco/dp/8863935505/ref=tmm_pap_swatch_0?_encoding=UTF8&qid=&sr=




NOTIZIE AUTRICE :

Simona Bosco è nata nel 1971 a Gallarate, in provincia di Varese. Ha due figli e nel tempo libero che il lavoro le concede ama dividersi tra famiglia, scrittura, sport, lettura e fotografia. La passione per la scrittura la accompagna fin dalla prima adolescenza. L’ombra del girasole è il suo primo romanzo per Leone Editore.
 

NOTIZIE CASA EDITRICE :

Leone Editore è una casa editrice indipendente nata nel 2009 con sede a Monza, distribuita e promossa in tutta Italia da Messaggerie Libri. Pubblica principalmente narrativa di genere, con una predilezione per i thriller, i romanzi storici e i romanzi rosa, di autori sia italiani sia stranieri. Decine di scrittori italiani scoperti dalla Leone Editore sono stati pubblicati all’estero, mentre tra gli autori tradotti figurano nomi celebri come Stuart McBride, Robyn Young, C.J. Daugherty e David Hewson. Attenzione particolare è poi riservata ai classici, opere un po’ meno conosciute di celeberrimi autori del passato e grandi capolavori di scrittori ingiustamente dimenticati, riscoperti e riportati all’attenzione del pubblico con nuove traduzioni e spesso con testo originale a fronte. Leone Editore guarda con attenzione all’intero panorama editoriale e non si pone limiti di crescita, convinta che ci sia ancora tanto spazio nel mercato dell’editoria italiana per emozionare e intrattenere con storie di ogni tipo. L’unica linea guida cui intende attenersi è l’impegno per dare a ogni libro la cura e l’attenzione che merita e per tenere sempre la mente aperta in modo da non realizzare prodotti standardizzati, ma piuttosto evidenziare l’originalità di quel singolo testo.


SINOSSI 

Victoria Branston è una giovane manager americana di appena ventidue anni, temprata da un passato infelice: quand’era adolescente ha perso entrambi i genitori in circostanze misteriose. In seguito alla tragedia William Sean, presidente degli Stati Uniti e datore di lavoro del padre della ragazza, la ospita alla Casa Bianca. Ma quando Victoria torna nella casa d’infanzia e incontra Paul, vicino di appartamento e giornalista intraprendente, riemergono in lei ricordi sopiti e angoscianti che la costringono a rivivere il giorno del rapimento. Scoprirà così la verità sui propri genitori, la loro vera identità, la forza del passato che torna da un luogo e un tempo remoti per prendersi la propria feroce, bruciante vendetta.



Recensione a cura di Walter Bianco.

 

Il libro inizia subito con un Prologo che lascia un po’ spiazzati perché anticipa un evoluzione della Trama che segnerà del resto una forte accelerata ad una Narrazione che, con cambi repentini di scena, enigmi da risolvere, terrà sempre in tensione il lettore che facilmente si identifichera’ con i personaggi per i quali proverà empatia o antipatia, il tutto poi genialmente rimescolato dall’autrice in un finale inaspettato e dai contorni sardonici.

La Narrazione iniziale ci porta a Washington, la descrizione caratterizzata da un Autunno “colorito” e “caldo” dipinto in maniera da contrastare fortemente con la “freddezza” della scena successiva nella quale viene presentata la Protagonista Victoria.

Victoria Branson appare subito come un anima fragile, insicura perché cresciuta senza genitori nell’ombra di tante domande senza risposta, con rabbia e sconforto maturati negli anni in cerca di un indipendenza che potesse renderla più libera e matura per indagare su alcuni enigmi legati alla sua esistenza.

Dalle “quattro mura” della Casa Bianca  in cui era stata rilegata sotto la protezione di William Sean che oltre a essere Il Presidente rappresentava per lei l’unica famiglia possibile, dopo la laurea si troverà a fare i conti con il Passato, quando tornerà a vivere nella sua vecchia casa dalla quale era stata strappata a forza da un Destino che invece adesso la rimetteva in gioco dal punto in cui era tutto cominciato, fornendo a Victoria gli elementi per ricomporre il puzzle e metterla davanti a una Verità che le provocherà amarezza e risentimento nei confronti di chi aveva deciso anche per lei con scelte non condivisibili e dettate da un egoismo scellerato.

La bravura di Simona Bosco è rappresentata dalla capacità di creare una alternanza di descrizioni cariche di suspance, con altre più addolcito seppur amare, giocando e spaziando abilmente tra Passato e Presente Narrativo, tra la Prima persona e la voce Narrante e soprattutto giocando la carta dei Flashback Spazio-Temporale di Victoria che ci permettono di rivivere sensazioni vissute e anticipare altre per un’evoluzione di una Trama che è sempre in bilico tra Realtà e Fantasia, il dubbio che attanaglia Victoria e il lettore.

Del libro mi è particolarmente piaciuta la sincerità dei Personaggi, la loro umanità che credo rispecchi a pieno la sincerità dell’Autrice e la sua “semplicità” con la quale ha costruito un Thriller veramente ben scritto dalla Trama particolare e con un finale che lascia l’amaro in bocca.

Dei Temi trattati mi piace sottolineare L’egoismo che reputo quello Principale su cui si gioca tutta la vicenda e conseguentemente a questo altri come La Rabbia, la Delusione e anche la Vendetta riunite in un dolore per qualcosa di vissuto personalmente, di subito e non provocato che fa riflettere su come a volte la scelta giusta per qualcuno rappresenti quella sbagliata per altri.

Veramente complimenti a Simona Bosco che mi ha piacevolmente sorpreso con il suo libro che logicamente consiglio, non solo agli amanti del genere, ma a tutti quelli che vogliono immergersi in un Thriller che, oltre a tenerci in tensione pagina dopo pagina, è capace di offrire punti di riflessione appassionati e sinceri, scritto con bravura e passione tipiche di chi denota amore per il Genere.

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

Crea il tuo sito web su WordPress.com
Crea il tuo sito
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: