” Il Diario segreto di Madame B ” di Emanuela Esposito Amato.

Dettagli Prodotto.

Autrice: Emanuela Esposito Amato.
Formato: Formato Kindle
Dimensioni file: 739 KB
Lunghezza stampa: 316
Utilizzo simultaneo di dispositivi: illimitato
Editore: Alcheringa Edizioni (4 febbraio 2019)
Lingua: Italiano
ASIN: B07NDHD8XD
Link d’ acquisto:

Recensione a cura di Daniela Sardella

Definizione di Pregiudizio:” Giudizio basato su opinioni precostituite e su stati d’ animo irrazionali, anziché sull’ esperienza e sulla conoscenza diretta. Nutrire dei pregiudizi nei confronti di qualcuno o su qualcosa”.
Vorrei cominciare così questa recensione e vi spiego il perché. Essendo una lettrice seguo diversi gruppi inerenti alla lettura. Puoi trovare utili consigli, nuovi spunti per arricchire la propria lista e spesso ci si imbatte in analisi del testo o pensieri sui vari scrittori, ecco vorrei soffermarmi su questo punto. Ho riscontrato diversi pareri negativi riguardanti Scrittori Emergenti e ovviamente ho chiesto il perché di tali pareri ricavando le solite risposte prive di significato, dettate principalmente dal Pregiudizio. Esattamente! Pregiudizio! Il piu’ delle volte si giudica guidati da supposizioni e opinioni senza fondamento. Il fatto che siano scrittori alle prime armi fa pensare che non esca nulla di buono, che troveremo racconti insulsi e vuoti, quindi eccoli lì : Pregiudizi. Ora vi chiedo: ” Secondo voi gli Autori, ormai affermati oggi, quelli che amate , come hanno costruito la loro carriera?” C’ è sempre un inizio per tutti! Certo sicuramente troveremo qualcuno che non sarà all’ altezza , ma vi assicuro , per esperienza, che nel mio cammino come lettrice , come blogger ho trovato delle vere Pietre Preziose, e questo racconto, di cui vi parlerò a breve è un vero Tesoro!
Perdonatemi per questa lunga presentazione ma sentivo il bisogno di esprimere questi pensieri. Ebbene si, oggi vi parlerò di un nuovo meraviglioso racconto che , come altri, ha fatto centro! La copertina mi affascinava, era come un richiamo silenzioso e insistente, quindi , aggiunto inesorabilmente nella lista. Il Diario di Madame B mi ha travolto l’ anima. Una storia nella storia! Il libro si divide in due parti, equamente intriganti, una ambientata nei giorni nostri dove troveremo come protagonista la dolce Josèphine , una giovane semplice e umile, esperta nell’ ambito dell’ antiquariato, ma costretta ad inventarsi un lavoro lontano dalle sue reali competenze. Dall’ altra parte , la scrittrice ci condurrà nel lontano 1840. Faremo la conoscenza della bellissima Delphine, una deliziosa ragazza di cui le sue qualità di certo non passavano inosservate.
Il Destino non è stato molto clemente sia per Josephine e sia per Delphine. A causa del suo titolare, grande egoista, Josephine si inventa un lavoro per far fronte alla crisi che ormai prende sempre piu’ piede nella bella Napoli. Prepara dolci e squisiti manicaretti per diversi eventi, fino a quando un bel giorno tramite la Signora Cortese, ha la possibilità di sfoggiare le capacità di Antiquaria. Un ingaggio temporaneo ma prestigioso: trasformare una Villa a picco sul mare in un favoloso ed elegante Bad & Breakfast. Qui inizia l’ avventura, presa da timori e incertezze accetta l’ incarico mettendo tutto il suo sapere a tavolino. Nella ricerca si imbatte in alcuni pezzi che attirano stranamente e inspiegabilmente la sua attenzione e non solo, in uno di essi scoprono un vano segreto da dove emerge un curioso libricino contenente una foto, quel libricino che sconvolgerà tutte le sue sicurezze. I misteri che girano attorno a quella scoperta sono molteplici per non parlare degli eventi che si susseguono nella vita di Josephine, una vita già complicata a causa di un passato poco clemente.
Due donne, due epoche, due vite che pur essendo differenti inesorabilmente si intrecciano. Troveremo una ragazza ossessionata dalla ricerca dell’ amore. Talmente forte era questo bisogno da non comprendere la costante presenza di esso! Mentre la giovane Josephine aveva costruito muri davanti a tale sentimento, muri impenetrabili tanto da ostacolarne l’ avvicinamento e non solo. Il proteggere se stessa da tale sentimento la rendeva colma di pregiudizi verso gli altri, insicura della sua personalità, inadatta in ogni luogo e in ogni situazione. Un vero disastro senza soluzione!
Non posso rivelare altro! Dovete vivere in prima persona , assaporare ogni passaggio e viaggiare con i protagonisti. Il libro va gustato e compreso in tutta la sua bellezza! La Scrittrice ha messo in risalto una situazione importante: “Pregiudizi”. Sembra proprio il Tema di questa recensione e forse lo è davvero! Spesso non ci rendiamo conto quanto può risultare deleterio proclamare giudizi affrettati, causando fraintendimenti poco piacevoli. Ma l’ Autrice non si limita a sottolineare solo questo aspetto. Il racconto è davvero una grande sorpresa , impreziosita da personaggi graziosi come l’ aiutante Ciro e la singolare governate al servizio della Signora Cortese. Un mix perfetto dosato con grande maestria, tra serietà, paure , amore, sorprese e la profonda conoscenza riguardante la storia ambientata nel 1840. Non potete perderlo! Troppo da scoprire, troppo da vivere! Complimenti a Emanuela Esposito Amato, grazie per avermi fatto sognare e vivere .

Biografia Autrice.

Emanuela Esposito Amato è nata a Napoli nel 1964 dove attualmente vive. Per lunghi periodi, durante e dopo gli studi universitari, ha vissuto e lavorato a Parigi. Laureata in Lingue e Letterature Straniere Moderne, è docente di Francese in un istituto scolastico pubblico.

Ha frequentato corsi di scrittura creativa con Scuola Omero e Scuola Holden.

Ha pubblicato racconti sulle riviste “Inchiostro” e “Il Segnalibro” (2002).

Con il racconto Lui dorme ha vinto il primo premio del concorso letterario “Da donna io racconto”. (Valenza, edizione 2004).

Sinossi.

Dopo la perdita dei genitori, l’abbandono da parte del convivente e il licenziamento dall’impiego decennale di esperta antiquaria, Joséphine Bressi rispolvera l’arte culinaria per cui ha un talento innato e per sbarcare il lunario inizia a preparare manicaretti da recapitare a domicilio.

Durante una di queste consegne, la signora Cortese le offre la possibilità di tornare a occuparsi di antiquariato, coinvolgendola nell’arredamento degli interni di un lussuoso resort turistico.

Tendenzialmente asociale e molto spesso maldestra, Joséphine si lascia convincere, ma questo significa che dovrà lavorare con l’altera, ostica e sempre perfetta Domitilla e soprattutto con Massimiliano, l’architetto giovane e attraente che si occupa della realizzazione del progetto e per cui sin da subito prova dei sentimenti contrastanti di attrazione-repulsione. Lui però sembra molto affiatato e in confidenza con Domitilla.

A complicarle ancor più la vita arriva l’immagine sfocata di una donna che le appare nello specchio di una toelettina francese di inizio Ottocento che fa parte del lotto di mobili antichi che ha scelto per il progetto.

Logica e controllata, razionale e fredda, Joséphine cerca di superare con la ragione sia l’impatto emotivo e gli strascichi che la visione ha su di lei, sia i contrasti e le incomprensioni con Domitilla e Massimiliano, ma la sua quotidianità sembra non avere pace, e durante il restauro, da un cassetto nascosto del secrétaire vengono fuori tre quadernetti e un dagherrotipo che ritrae proprio la donna dello specchio

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

Crea il tuo sito web su WordPress.com
Crea il tuo sito
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: