” Viaggio al Centro della Terra” di Jules Verne.

Dettagli prodotto

Copertina flessibile: 224 pagine
Editore: Crescere (2 febbraio 2012)
Collana: La biblioteca dei ragazzi
Lingua: Italiano
ISBN-10: 8883371259
ISBN-13: 978-8883371257
Peso di spedizione: 240 g
Link D’ acquisto:
https://rcm-eu.amazon-adsystem.com/e/cm?ref=qf_sp_asin_til&t=dany05-21&m=amazon&o=29&p=8&l=as1&IS1=1&asins=8883371259&linkId=3e6e15fcffbb7b016a316caca2a97d06&bc1=FFFFFF&lt1=_top&fc1=333333&lc1=0066C0&bg1=FFFFFF&f=ifr

Biografia Autore.

Jules Verne nacque l’8 febbraio 1828 a Nantes, città portuale della Francia occidentale. Figlio di Pierre Verne e di Sophie Allote de la Fuÿe, borghesi, Jules fu il primo di cinque fratelli. Gli altri quattro erano: Pierre Paul nato nel 1829, Anna nata nel 1836, Mathilde nata nel 1839 e Marie, nata nel 1842.
Nel 1839, a 11 anni, fuggì di casa imbarcandosi su una nave diretta nelle Indie; il padre magistrato lo ritrovò immediatamente a Paimbœuf nei Paesi della Loira. La fuga nelle Indie era motivata dal desiderio di regalare a sua cugina Carolina, di cui era follemente innamorato, una collana di coralli.
Studiò retorica e filosofia al liceo di Nantes. Scrisse dei poemi e due tragedie in versi. Il giovane Verne visse, per via della sua vocazione letteraria, un contrasto intenso con il padre, un avvocato che avrebbe voluto tramandare la professione. Per questo, non di propria volontà, concluso il liceo partì per Parigi dove portò a termine gli studi di giurisprudenza. Arrivò a Parigi in un periodo di grandi disordini. Cacciato nel febbraio re Luigi Filippo, venne ristabilito il governo provvisorio della Seconda Repubblica francese ed in città si alzarono di nuovo le barricate.
Nella capitale, oltre a stringere amicizie con molte persone in vista, trascorse molto tempo nei circoli letterari (dove ebbe modo di conoscere Alexandre Dumas) e nella Biblioteca nazionale, informandosi e documentandosi – trascrivendo una infinità di appunti – su casi scientifici e storici.
Per i suoi Viaggi straordinari scrisse 62 romanzi e 18 novelle che tuttavia per la critica sono considerati un genere minore.
Il romanzo Cinque settimane in pallone era ispirato alle imprese pionieristiche dell’amico fotografo Nadar, che nel 1863 aveva costruito un enorme pallone aerostatico, Le Géant (“Il gigante”); il fallimento del progetto convinse Nadar che il futuro dell’aeronautica sarebbe appartenuto ai mezzi più pesanti dell’aria, istituendo un’associazione per la loro promozione, della quale Verne era segretario. Lo scrittore si ispirò all’amico Nadar per il personaggio di Michel Ardan del romanzo Dalla Terra alla Luna (1865).
Nel 1863 scrisse Parigi nel XX secolo, che venne però rifiutato dall’Editore Hetzel e dovrà attendere 130 anni per essere pubblicato. Infatti nel 1989 un pronipote di Verne fece aprire una vecchia cassaforte di cui si erano perdute le chiavi. Si scoprì così il manoscritto dell’opera. L’Editore Hachette lo ha pubblicato, poco convinto, nel 1994. In pochi giorni ne vennero vendute 200.000 copie.
Nel 1864 Jules Verne dedicò un tributo a Edgar Allan Poe (Edgar Poe et ses oeuvres).
Nel 1866 affittò una casa in una cittadina sull’estuario della Somme, Le Crotoy, dove comprò il suo primo battello, con il quale iniziò a navigare nel Canale della Manica e lungo la Senna.
Il 16 marzo 1867, in compagnia del fratello Paul, si imbarcò sul piroscafo Great Eastern (la più grande nave del mondo) a Liverpool, esperienza da cui ricavò il romanzo Una città galleggiante (1870). Nello stesso anno terminava uno dei suoi romanzi più famosi, 20.000 leghe sotto i mari. Nel 1873 pubblicò il romanzo Il giro del mondo in 80 giorni, grazie al quale l’anno successivo poté acquistare lo yacht Saint-Michel II. Nel 1878 navigò da Lisbona ad Algeri sul Saint-Michel III.
Meticoloso nel lavoro di ricerca a tavolino, fra le sue molteplici attività letterarie e di viaggio Verne riuscì a trovare anche il tempo per completare un’opera geografica; raccolse inoltre dati scientifici sempre nel campo della geografia, della zoologia, della fisica, della chimica e della tecnologia: il suo indice a schede arrivò a comprendere più di ventimila voci. Recentemente, nei depositi della Biblioteca municipale di Nantes è stato scoperto un inedito, composto da sei fogli autografi e datato 1869, parte di un’introduzione che Verne dedicava ai grandi esploratori della terra.
Nel 1872 su richiesta della moglie si trasferì ad Amiens, città natale della moglie. Ad Amiens oltre che diventare membro e poi direttore dell’Académie des Sciences, des Lettres et des Arts fece anche vita brillante. Ad Amiens conobbe e fu amico del pittore Jean de Francqueville (1860-1939) che invitava spesso sulla sua barca. Nel 1888 Jules Verne divenne consigliere comunale di Amiens. Nel 1903 presiedette il gruppo degli esperantisti della cittadina francese.
Verne morì nel 1905 ad Amiens, a settantasette anni di età, ormai quasi cieco, sofferente di diabete e colpito da paralisi. Ad Amiens trovò riposo nel Cimitero della Maddalena.
Molte sue opere, rimaste inedite, furono fatte pubblicare dopo la sua morte dal figlio Michel, in forma probabilmente riadattata.

Sinossi.

Questo romanzo di Jules Verne, pubblicato per la prima volta nel 1864, riunisce in maniera straordinaria contenuti scientifici e fantastici. Diventato un classico della letteratura, non solo per ragazzi, è considerato da molti precursore del genere fantascientifico. Il professor Otto Lidenbrock, che insegna mineralogia ad Amburgo, scopre in un vecchio libro un misterioso messaggio in caratteri runici. Il documento viene decifrato da suo nipote Axel: si tratta di appunti in latino che spiegano come raggiungere il centro della Terra attraverso il vulcano Sneffels, in Islanda. L’autore di queste indicazioni è Arne Saknussem, alchimista islandese, che nel XVI secolo avrebbe davvero compiuto l’impresa. Zio e nipote decidono dunque di intraprendere questo viaggio e partono per l’Islanda, dove si unisce a loro il fedele e silenzioso Hans, una guida del posto, con il quale si calano nel cratere del vulcano. Inizia così un’incredibile avventura, ricca di colpi di scena e di incontri eccezionali: dinosauri che si credevano estinti, giganti, piante enormi… I segni lasciati da Saknussem guidano i tre uomini verso il centro della Terra. Ormai vicinissimi alla meta, fanno esplodere un masso che ostacola il passaggio e la potenza dell’esplosione è tale da riportarli, attraverso un altro vulcano, sulla superficie terrestre. Dopo due mesi di fantastiche avventure, i tre viaggiatori si ritrovano a Stromboli.

Recensione a cura di Daniela Sardella.

Di certo un libro e un Autore di cui non necessita alcuna presentazione, tuttavia impossibile non parlarne. Il maestro indiscusso dell’ avventura! Leggere i suoi scritti regala un mondo immenso, un mondo che mai e dico mai avremmo potuto immaginare, possiamo solo ringraziare la mente brillante che ha permesso diversi lettori ad intraprendere il folle viaggio!
Ci troviamo nel lontano 1863 in una casa situata nelle strade piu’ antiche di Amburgo. Il Professore Otto Lidembrock era una persona da carattere estremamente difficile, eccessivamente impaziente , soprattutto quando insegnava. Era un pozzo di scienza, un esperto della Mineralogia e folle appassionato di geologia, in piu’ era ammaliato dal fascino dei libri antichi ed era solito dirigersi nel posto dove trovava pietre miliari, e fu proprio quella mattina che rientrò con un manoscritto recuperato nella bottega di Hevelius. La cosa che lo affascinò in assoluto era l’ antica scrittura Runica presente nel piccolo tesoro che aveva tra le mani, ma nel momento in cui scivolò dal ‘ interno un antica pergamena anch’ essa caratterizzata da quella scrittura, la sua attenzione si sviluppo ulteriormente. Capì all’ istante che possedeva un segreto da decifrare , qualcosa di estremamente importante, ed essendo un tremendo testardo , lo avrebbe decifrato ad ogni costo con l’ aiuto del suo fedele nipote Axel . Dopo vari ed inutili tentavi , fu proprio quest’ ultimo a decifrare il messaggio, e con grande sorpresa e stupore capendone il valore e il pericolo che lo accompagnava, avrebbe voluto far sparire quella mappa, ma aimè gli eventi si susseguirono inesorabili a suo discapito.
Indicazioni specifiche per un Viaggio incredibile! Grazie a quella scoperta potevano recarsi al Centro della Terra. A rafforzare tale impresa erano le ricerche condotte dall’ artefice della mappa, un alchimista Irlandese, Arne Saknussen. Un viaggio unico ma estremamente pericoloso. Dovevano calarsi in un vulcano, lo Sneffels situato in Islanda . Così zio e nipote si recarono in una folle avventura, di cui Axel non era affatto entusiasta. Cercò in tutti i modi di dissuadere lo zio ma senza alcun risultato. Era tutto pronto , organizzato nei minimi dettagli. Grazie alla guida, Hans, persona espertissima dei luoghi e di tutto ciò che concerne dei viaggi impercorribili , si avviarono nell’ impresa senza mai voltarsi indietro. Hanno seguito avventure impareggiabili di cui le descrizioni sono talmente vere da farti immaginare con i propri occhi tutte le loro scoperte che danno dell’ incredibile. Un mondo fantastico che solo una mente capace come quella dell’ autore poteva creare! Un mondo tutto da scoprire con presenze inimmaginabili, animali d’ altri tempi e vegetazione insolita e introvabile!
Non posso aggiungere altro, dovete scoprire la magia posta in questo racconto! Vi troverete a viaggiare con due personaggi di cui le personalità sono estremamente differenti e questo provocherà diversi disguidi e non solo. Poi abbiamo il silenzioso Hans, capace di esprimere o non esprimere le sue emozioni con quel fare freddo e taciturno, che dire ancora se non di aprire questa bellezza spegnendo tutto il resto! Mi permetto di consigliare questa versione, la casa editrice Crescere Edizioni . Unica nel suo genere, scorrevole ed adatta non solo per il pubblico giovanile, e cosa importante , parliamo della versione Integrale, in piu’ troverete all’ interno un grazioso segnalibro. Buona lettura!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

Crea il tuo sito web su WordPress.com
Crea il tuo sito
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: