“E’ Passato” di Rita Scarpelli

Dettagli Prodotto:

Editore: Aletti

Collana: Gli emersi narrativa

Anno edizione: 2017

In commercio dal: 30 ottobre 2017

Pagine: 264

ISBN: 978-88-591-4579-0

Link D’acquisto: https://amzn.to/2GQeyPw

Recensione a cura di Jennifer Gaspari :

Internet. La nuova frontiera della comunicazione, del lavoro, della società, del mondo. Senza internet non riuscirei a farvi leggere queste parole; senza internet non avrei scoperto questa scrittrice; senza internet non avrei conosciuto tante persone; senza internet non avrei potuto godermi la lettura di questo piacevolissimo libro. “E’ Passato” parla di Internet, più precisamente di Facebook, social network che tutti ormai conosciamo ed usiamo per comunicare, per scoprire, per spiare, per incontrare e per re-incontrare vecchie conoscenze che magari non sapevamo nemmeno più che fine avessero fatto. In questo delizioso romanzo di Rita Scarpelli, accade proprio questo, le persone si re-incontrano dopo anni, riportando al presente un passato che sembrava passato, ma che non è lo è affatto… per l’appunto ‘è passato’.

Ricordo quando all’inizio, Facebook era una novità, ricordo la sensazione di scoprire che in tantissimi già lo usavano e che molti di loro erano vecchi amici, compagni di scuola, vecchi amori e che erano tutti lì, alla distanza di un click, di un “richiedi l’amicizia” e in un istante persone che avevano preso strade diverse anni prima, amicizie che avevano segnato le nostre esistenze, conoscenze che nemmeno ricordavamo, ritornavano ad avere un posticino, seppur mediatico, nei nostri pensieri. Era un po’ come se un social network donasse a tutti noi una seconda occasione per non dimenticare, per ripescare angoli d’oblio dai nostri cuori, dai nostri ricordi, dalle nostre menti.

Tutto ciò accade in “E’ Passato“. Facebook diventa un intelligente mezzo per creare un romanzo, una storia fatta di storie, che come tutte i racconti, racchiude passato e presente, solo che qui, tra queste brillanti pagine, il tempo viene annullato, nonostante sia alla base di tutto, perde significato, o lo acquista, non si sa. Come nella vita di ogni giorno, dipende sempre da che punto di vista lo si osserva, lo si legge. Le vicende narrate sono un groviglio di sentimenti, persone, ricordi, speranze, giudizi, cuori spezzati, innamorati, dimenticati, sognati. Tutto da ripescare da un passato che riemerge attraverso il monitor di un computer, che esce dallo schermo e lo catapulta in un presente di vite mutate, vissute, distanti, ed ora inesorabilmente di nuovo vicine, riunite, ricongiunte in un “ora” che per un attimo annulla il concetto di spazio e tempo e ciò che era ritorna ad essere, e ciò che è, fa spazio ad un nuovo tempo che mescola le esistenze.

Roberta, Stefania, Ivana, Marco, Marianna, Antonella, Laura. Questi sono i personaggi, o meglio le vite che conosceremo tra le pagine di questo libro. Voglio complimentarmi enormemente con l’autrice per aver creato ed intrecciato le vite di personaggi estremamente reali, comprensibili in ogni loro atteggiamento ed emozione, senza falsi buonismi e per questo assolutamente vicini ai lettori. Roberta, dolcissima mamma di due ragazzi, molto poco fortunata in amore, con una vita non semplice, fatta di sacrifici e abbandoni gestiti in modo coraggioso e pieno di integrità. Stefania, donna in carriera, forte, spumeggiante, ma che lotta ogni giorno con una malattia che la metterà alla prova, che la farà riflettere su passato, presente e futuro, madre di famiglia e sposata con un uomo eccezionale. Ivana, con una famiglia che non la apprezza e la accantona spesso e volentieri, che si butta sulla carriera, diventata ormai la sua unica fonte di soddisfazione. Marco, al centro di uno storico triangolo amoroso, eterno rubacuori incapace di scegliere la scarpa in cui stare, con una figlia che sembra diventata l’unico amore della sua vita, ma che forse troverà una strada da seguire. Marianna, mamma con un bel matrimonio, vissuto però a distanza, quasi rassegnata a vivere in solitudine un amore che funziona nonostante tutto, ma che sente il bisogno di far rifiorire e vivere a tempo pieno. Antonella, mamma di una giovane promessa della musica, incanalata su una vita dalla spiccata moralità che sembra aver quasi rinunciato ad essere quella sé stessa che sente tanto scalciare nell’anima. Laura, che ha trovato la sua strada fondando una scuola di musica per offrire a giovani talenti quel futuro stellare che probabilmente avrebbe voluto vivere lei, l’unica senza figli, l’unica con un futuro che non sembra ancora scritto. Facebook li riunirà tutti, offrirà l’occasione a donne e uomini, già fissati nelle loro vite, di reimmergersi in un passato che li accomuna, li intreccia, li fa precipitare in un presente da scrivere di nuovo assieme. Una nuova occasione per aggiustare i tiri storti, per dire le parole mai dette, per sistemare cose lasciate a metà… chi non la vorrebbe?

Rita Scarpelli ci offre qui una speranza, che a ben guardare è offerta a tutti noi, di mettere mano ad un passato che ha lasciato troppe porte aperte, troppe domande senza una risposta, troppe opportunità svanite nelle circostanze delle vite che, inesorabilmente, scorrono sulla linea del tempo. In questo bellissimo scritto, ci vengono serviti su un piatto d’argento, moltissimi spunti per esami di una coscienza vissuta nel passato, nel presente e proiettata al futuro. Sembra che attraverso un semplice “social”, l’autrice sia stata in grado di creare un mondo parallelo dove i “SE” del passato possano avere finalmente l’opportunità di essere risolti, e dove il coraggio e l’esperienza di persone più adulte riescano a fare chiarezza su sentimenti lasciati sospesi in un’età dove nulla era chiaro, dove c’era talmente tanta vita davanti da vivere, da sembrare che tutto sarebbe andato esattamente come doveva andare.

Una scrittura piacevole, sciolta, chiara e sincera ci accompagna nella lettura di queste storie che entrano nel cuore, si fanno spazio nei pensieri e ci invitano a guardarci un po’ attorno, ad interrogarci sul tempo che scorre, sul fatto che le occasioni le dobbiamo creare noi, che l’amore ha mille sfaccettature e che non sempre sono tutte visibili. Ancora complimenti vivissimi a Rita Scarpelli per la forza che è riuscita a trasmettere a questo romanzo, all’onestà che ha messo in ogni sentimento e alle verità che regala attraverso ogni personaggio. E per ultimo vorrei ringraziarla per aver concluso il libro, accompagnandoci con l’ascolto di una canzone meravigliosa, fatta di parole sussurrate con eleganza e potenza, che racchiude un po’ l’intero messaggio di questo libro da non farsi sfuggire.

Buona Amabile Lettura a tutti.

Sinossi:

Perdersi di vista, sparire, dimenticarsi sono ormai dei lussi che non ci si può più permettere.  Adesso c’è Facebook. Quasi per gioco, piano piano, tra una richiesta di amicizia e l’altra, sei donne che hanno condiviso molti momenti insieme durante la loro giovinezza, si riscoprono nel presente.
Roberta, madre attenta e premurosa, ma vera e propria calamita per guai e uomini sbagliati; Marianna, ingabbiata nel suo amore part-time, costretta a vedere il marito solo nel weekend a causa del lavoro; Ivana, professionista affermata, dedita quasi più alla sua carriera, per lei vera e propria fonte di appagamento, che alla famiglia.
Stefania, che, nonostante la sua famiglia quasi perfetta, rincorre ancora, disperata-mente, l’uomo che non ha mai saputo amarla e poi Laura, proprietaria di una scuola di musica che ha fatto della sua passione un mestiere e infine Antonella, che dovrà fare i conti con la solitudine e con sua figlia, talentuosa e tenace cantante in erba.
Il volto di Marco, fuggito dalla sua città natale, divorziato, eternamente diviso tra i sentimenti e la passione, ricompare nella loro vita attraverso lo schermo del PC.  
“Scegliere è sempre difficile, pericoloso e decisamente impegnativo per il cuore e per la mente: spesso le scelte ci vengono richieste quando non siamo preparati a farle, ma sentiamo di volerle e poterle fare. Ogni momento che passa ne avvertiamo sempre di più l’urgenza e ogni passo in avanti che facciamo ci porta un po’ più lontano da quello che eravamo prima e, forse, più vicino a quello che avremmo voluto essere.”

Biografia Autrice :

Rita Scarpelli nasce a Napoli il 22 maggio 1964.
Frequenta il Liceo Scientifico Giuseppe Mercalli di Napoli dove, grazie alla Professoressa di Lettere Raffaella Del Vecchio, si appassiona alla letteratura e alla scrittura.
Laureatasi in Economia e Commercio, vince un concorso nella Pubblica Amministrazione dove lavora tuttora e, allo stesso tempo, continua a coltivare il suo interesse per la lettura e per la scrittura, traendo ispirazione da svariati autori italiani e stranieri, tra cui Oriana Fallaci, Marcela Serrano, Susanna Tamaro, Lisa Genova e Maurizio De Giovanni.
Appassionata di psicologia, nel 2014 diventa counselor, mossa dal bisogno di comprendere più approfonditamente le fragilità dell’essere umano, al fine di poterlo narrare nei suoi scritti amatoriali.
Le implicazioni dei social network nelle relazioni umane rappresentano un oggetto sempre maggiore di interesse, fino a diventare nel gennaio 2016 la tematica di un racconto breve, che poi si trasforma in un romanzo dal titolo “È PASSATO”, la cui realizzazione si conclude nel maggio 2017.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

Crea il tuo sito web su WordPress.com
Crea il tuo sito
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: