“29 Secondi” di T. M. Logan

Dettagli Prodotto:

Formato: Formato Kindle

Genere: Thriller

Dimensioni file: 3303 KB

Lunghezza stampa: 308

Editore: La Corte Editore (19 novembre 2018)

Venduto da: Amazon Media EU S.à r.l.

Lingua: Italiano

ASIN: B07KPM2W5C

Collana: Underground

ISBN-10: 888551653X

ISBN-13: 978-8885516533

Biografia Autore:

T. M. Logan, inglese, è un giornalista del Daily Mail. Vive nel Nottinghamshire con la moglie e due figli. ‘Bugie’ è il suo thriller di esordio. Ha già venduto più di 300.000 copie. Un vero e proprio caso letterario.

Casa Editrice:

Fondata da Gianni La Corte nel 2008, LA CORTE EDITORE è una casa editrice  torinese, incentrata principalmente sulla narrativa – Fantasy, Thriller, romanzi sentimentali e storici – e distribuita in tutta Italia da Messaggerie Libri. In dieci anni di attività, si è fatta conoscere da migliaia di lettori arrivando a pubblicare importanti autori internazionali come David Blixt, Johana Gustawsson, Rory Clements, T.M. Logan, Pierre Bordage, Joe Hart e il pluripremiato Jonathan Carroll. 

Da Antonio Lanzetta a Pierluigi Porazzi, da Edoardo Stoppacciaro a Luca Buggio, Eleonora Rossetti e Clara Caroli, la selezione degli autori nostrani è stata fin dall’inizio un punto di forza della casa editrice che ha cercato, nei suoi vari generi, di scegliere penne capaci e voci nuove nel panorama italiano. Grazie all’alta qualità dei romanzi selezionati e all’attenzione a 360° che viene dedicata a ogni singolo libro pubblicato, La Corte Editore ha saputo costruire un rapporto molto forte con i propri scrittori e lettori, proponendo loro letture attraverso cui crescere e divertirsi. 

Nel 2016 La Corte Editore ha rilevato anche un’altra casa editrice di Torino, la Pavesio Comics, per dare nuova linfa allo storico marchio e iniziare, dall’inverno 2017, una nuova e parallela avventura editoriale nel mondo dei fumetti.

Sinossi

Dammi un nome. Una persona. E io la farò scomparire.” Sarah vive da anni un’insostenibile situazione che la vede vittima delle molestie del suo capo, un maschilista della peggior specie, che tratta le donne come oggetti. Quando un giorno salva una bambina in difficoltà, non si aspetta niente in cambio. Ma il suo gesto coraggioso, fa sì che un uomo tanto potente quanto pericoloso si senta in debito con lei. L’uomo vive in modo brutale e, nel suo particolare codice, tutti i debiti devono essere saldati. Sarah potrebbe avere così una via d’uscita, un modo per liberarsi in un attimo di tutti i suoi problemi e avere finalmente la vita che merita. Ci sono solo tre condizioni: ha 72 ore per fornire un nome. Se rifiuta, l’offerta svanisce. E se accetta, non può più tirarsi indietro. È un patto irripetibile, un’offerta di quelle che capitano una volta sola. Nessuna conseguenza, nessun rischio di essere collegati, nessuna possibilità di essere scoperti. Non deve fare altro che una telefonata. Da 29 secondi. Perché, in fondo, ciascuno di noi ha un nome da dare. Non è così? Il nuovo thriller psicologico di un autore straordinario che mette in scena la claustrofobica realtà a cui possono essere costrette diverse donne.

Recensione a cura di Jennifer Gaspari

Hai davanti a te una scelta difficile, una scelta che ti può cambiare la vita, stravolgerla, migliorarla, distruggerla, alterarla in modo completo; radicalmente, senza possibilità di ritorno, senza che nessuno sappia mai nulla di ciò che hai fatto. Che fai? Accetti? Ci pensi? Non hai molto tempo. Riflettici. Può valerne la tua serenità, la tua carriera, la tua famiglia. Hai deciso? Dirai si? E che cosa accadrà dopo il sì? Ne avrai il coraggio? Riuscirai a convivere con la decisione più estrema che sarai mai chiamato a prendere nel corso della tua esistenza? Allora? Sì o no? E’ solo una parola, solo una decisione, ma ti cambierà per sempre. Il tempo sta per terminare… SCEGLI!

Sarah vive una vita come tante, sposata in giovane età e rimasta incinta prima del tempo pianificato, con un sogno davanti, quello di fare una brillante carriera universitaria. Contro ogni prognostico, sembra farcela, si impegna più di chiunque altro, lotta con le unghie per farsi strada in una realtà quasi misogina, fatta di conoscenze, di ruoli immeritatamente conquistati, di poteri cattedrali, di vecchi professori che dominano e amministrano a proprio piacere una facoltà elitaria e chiusa tra le mani di pochi, determinanti docenti.

Negli ultimi tempi, le cose sembrano andare anche peggio, suo marito se n’è andato con un’altra, vittima di una sorta di incapacità artistica di mettere radici, di crescere, di mettere la testa a posto. Suo padre, è l’unico che la possa aiutare con i suoi bambini. E poi c’è Lovelock, il suo capo, il sommo professore che le sta rendendo la vita un incubo. Lui, che agli occhi del mondo è un esimio insegnante, noto istitutore televisivo con un programma educativo sulla BBC, lui che gode di amicizie altolocate, favori, fama, stima, soldi, carriera, LUI. Lui che le vorrebbe far fare carriera sì, ma in un modo decisamente poco consono. Sarah ha a che fare con un uomo squilibrato, alcolista, violento, subdolo, maniaco depravato. Lo odia, lo detesta, vorrebbe uscire da questa situazione, ma come? A che prezzo? In che modo? Nessuno le crederebbe, nessuno capirebbe.

Poi un giorno, accade un qualcosa, una fatalità, un incontro inaspettato, pericoloso, sospetto, che scaraventa Sarah in un mondo a lei sconosciuto, inverosimile, che sembra trasportarla in un film grottesco, con personaggi spaventosi, delinquenti infidi e temibili, ma che forse, la possono aiutare ad uscire dalla situazione con Lovelock. Sarah però, dovrà prendere una decisione. Una decisone importante, forte, vilmente audace, coraggiosamente meschina. Una scelta che le cambierà la vita in modo irrimediabile. Sulla bilancia la sua vita, la sua carriera, la sua coscienza, la sua famiglia, la possibilità di essere scoperta, la sua serenità, la sua libertà. Sarah deve scegliere se farla o no quella telefonata, se coglierla quell’occasione di stravolgere tutto. Per diventare padrona della sua esistenza, artefice del suo destino basta poco, un telefono, un respiro profondo e 29 secondi di impulsiva arditezza.

Non vi voglio dire se Sarah la farà o meno quella telefonata, se sceglierà la cosa giusta o quella sbagliata. In realtà non vi so nemmeno dire quale sia la decisione legittima da prendere. Non vi so dire cosa avrei scelto io, se quei 29 secondi li avrei sfruttati per sconvolgere la mia esistenza e quella di chiunque altro attorno a me, quale sarebbe stata l’opzione che mi avrebbe permesso di guardarmi ancora allo specchio. Perchè la medaglia ha sempre due facce e non è sempre chiaro quale sia quella moralmente degna.

Questo thriller metterà alla prova la vostra coscienza, vi costringerà a chiedervi costantemente dove alberghi il giusto e dove si celi il malfatto, interrogherete il vostro giudizio ininterrottamente… fino a quando il problema si tramuterà in un quesito più onesto, più sincero. Aldilà del bene e del male, del giusto e sbagliato, della morale, che cosa farei io se fossi al posto di Sarah? Se mi si presentasse l’occasione farei quella telefonata?

“29 secondi” è un libro avvincente, intelligente, sapientemente costruito per farci calare nei panni della protagonista in ogni istante, in ogni riflessione, in ogni dubbio, in ogni attimo di certezza e in ogni goccia di terrorizzato sudore. Un ritmo turbinoso vi porterà all’interno di una narrazione febbrile e a intensa tenuta di suspence. Penserete di aver capito tutto, accetterete la decisione di Sarah, ma poi tutto si capovolgerà, più volte di quelle che sospetterete. Il finale non vi deluderà ed è un enorme punto di forza per un thriller ben costruito. Complimenti all’autore per la sua capacità di tenere alta e palpitante la narrazione fino all’ultimo istante e soprattutto per avermi fatto dubitare del mio senso di giustizia, di quello morale, e della mia capacità di comprendere, ancora ora, se avrei fatto o meno quella telefonata.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

Crea il tuo sito web su WordPress.com
Crea il tuo sito
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: